COVID-19 e danni cerebrali: rimangono tante domande

La remissione dei sintomi respiratori oggi indica il recupero clinico dall’infezione di SARS-CoV-2. Tuttavia, diversi studi clinici hanno riportato danni neurologici e cognitivi persistenti in pazienti guariti da COVID-19.

L’infezione da SARS-CoV-2 potrebbe determinare direttamente deficit neurologici

La remissione dei sintomi respiratori oggi indica il recupero clinico dall’infezione di SARS-CoV-2. Tuttavia, diversi studi clinici hanno riportato danni neurologici e cognitivi persistenti, la cui incidenza, durata e meccanismo di fondo non sono ancora noti. È stato suggerito il ruolo della ventilazione meccanica e dei danni all'ippocampo. 

ARDS, ventilazione e disturbi cognitivi

Ricerche precedenti su pazienti ventilati artificialmente - per qualsiasi motivo - hanno già evidenziato che, a lungo termine, possono verificarsi deficit di attenzione, di memoria, di fluidità verbale, ecc. Uno studio ha riportato che il 78% dei pazienti ha avuto tali problemi un anno dopo la dimissione dall'ospedale e circa la metà dei pazienti li ha avuti fino a due anni dopo.
Inoltre, nel caso specifico dell'ARDS è già stato osservato che i problemi di memoria possono persistere fino a cinque anni. Ad esempio, è stato dimostrato un legame tra la durata dell'ipossia e i livelli di attenzione o di memoria verbale.
Infine, la risposta infiammatoria all'ARDS e le sue conseguenze possono anche aggravare i danni neurologici e promuovere disfunzioni cognitive croniche. I disturbi cognitivi possono quindi derivare direttamente o indirettamente dall'ARDS. Tuttavia, nel caso specifico dei coronavirus, non si può escludere l'ipotesi di un'azione diretta dell'agente patogeno sul sistema nervoso centrale (SNC).    

Danni al sistema nervoso centrale indotti dai coronavirus

I coronavirus sono considerati potenzialmente neurotrofici. Diversi studi hanno già dimostrato che possono entrare nel SNC in meno di una settimana ed essere individuati nel liquido cerebrospinale. Una serie di autopsie sulle vittime della SARS nel 2003 hanno mostrato sequenze del genoma di SARS-CoV in tutta la corteccia e l'ipotalamo. Lesioni diffuse sono state anche identificate in diverse aree del cervello in pazienti infettati da MERS-CoV, tra cui la sostanza bianca e le aree sottocorticali dei lobi frontale, temporale e parietale.
Come si può invadere il sistema nervoso centrale? Sono state avanzate due ipotesi. Durante un'infezione da coronavirus, la permeabilità della barriera emato-encefalica - composta in parte da cellule microvascolari dell'endotelio cerebrale - potrebbe essere compromessa. Un'altra possibilità è un'infezione dei neuroni periferici o dei neuroni sensoriali olfattivi che permettono al virus di accedere al sistema nervoso centrale tramite il trasporto assonale.
I coronavirus sono responsabili di sintomi acuti legati al sistema nervoso centrale come mal di testa, convulsioni, perdita di coscienza, deterioramento motorio o cognitivo. Sebbene non sia stata stabilita una causalità diretta, questa neuropatogenicità è sempre più riconosciuta. Alcuni ceppi di coronavirus sono stati individuati nel cervello di pazienti con sclerosi multipla. Infine, la presenza e la persistenza di coronavirus nel cervello sembrano aggravare i disturbi neurologici cronici come il morbo di Parkinson. Per quanto riguarda la COVID-19, sono stati segnalati casi di perdita della parola e della comprensione, encefalopatia e Guillain-Barré.

L'ippocampo è il tallone d'Achille?

Gli studi condotti su modelli animali evidenziano la fragilità dell'ippocampo, che verrebbe alterata durante le infezioni respiratorie. Nei topi, il virus dell'influenza può, ad esempio, indurre cambiamenti morfologici e funzionali in questa zona del cervello, che svolge un ruolo importante per la memoria. È già stato osservato un deterioramento a lungo termine della memoria visuo-spaziale. Il virus SARS-CoV-2 è responsabile di tali cambiamenti nell'ippocampo di alcuni pazienti? Se sì, sono una diretta conseguenza dell'infezione virale? Sono necessarie ulteriori ricerche per trovare le risposte.
Un'altra area di ricerca futura è l'impatto dell'infezione da coronavirus sullo sviluppo o l'aggravamento del morbo di Alzheimer, caratterizzato da una degenerazione neuronale che inizia nell'ippocampo. Studi su animali hanno già dimostrato che l'infiammazione associata all'infezione virale peggiora significativamente il deterioramento della memoria visuo-spaziale, una delle principali caratteristiche cliniche del morbo di Alzheimer.
Ad oggi non è stata effettuata alcuna valutazione neuropsicologica completa dei pazienti affetti da COVID-19. Dovrebbe includere test di funzione ippocampale.

Disturbi psicologici, eziologia incerta

I problemi cognitivi sono spesso legati a problemi psicologici derivanti dall'infezione da coronavirus. Uno studio su 90 casi di SARS ha mostrato alti livelli di disagio psicologico, con il 59% dei disturbi psichiatrici diagnosticati e una prevalenza continuativa del 33% a 30 mesi di follow-up. La gravità dei sintomi psicologici era qui correlata alla gravità della malattia e alla compromissione funzionale. L'esposizione a eventi traumatici nel contesto di un'epidemia (morte di persone care, perdita di reddito) non è stata l'unica spiegazione trovata.
Infatti, non è esclusa l'ipotesi di disturbi psichiatrici di origine virale. Uno studio su 40 pazienti sospettati di essere infetti da MERS-CoV e messi in quarantena aveva rivelato disturbi psichiatrici - compresi eventi psicotici - nel 70,8% di essi. Tutti questi sono risultati successivamente positivi, mentre i casi sospetti che sono risultati negativi non presentavano nessuno di questi disturbi. Questo può suggerire un impatto psicologico particolarmente forte in seguito alla diagnosi di MER, ma anche l'esistenza di un meccanismo virale.

Il futuro

L'attuale pandemia - o la possibile recrudescenza di epidemie di coronavirus - porterà probabilmente ad un aumento della prevalenza del danno cognitivo, più o meno direttamente associato all'infezione stessa. Sembra necessario effettuare studi per identificare con precisione la natura di questi disturbi, le loro caratteristiche, il meccanismo di fondo e l'efficacia dei trattamenti disponibili (farmacologici o psicologici).
Negli pazienti guariti da COVID-19, il deficit cognitivo potrebbe durare ben oltre la fine dei sintomi respiratori e assumere forme subcliniche difficili da rilevare. Questi "lievi" disturbi della memoria e del linguaggio possono essere erroneamente attribuiti al trauma dell'epidemia. I disturbi cognitivi emergenti o l'aggravamento di disturbi preesistenti, anche a distanza dall'infezione, dovrebbero quindi allertare il medico di medicina generale.

 


Fonte: K Ritchie, D Chan, T Watermeyer, The cognitive consequences of the COVID-19 epidemic: collateral damage?, Brain Communications, , fcaa069, https://doi.org/10.1093/braincomms/fcaa069

Esanum is an online network for approved doctors

Esanum is the medical platform on the Internet. Here, doctors have the opportunity to get in touch with a multitude of colleagues and to share interdisciplinary experiences. Discussions include both cases and observations from practice, as well as news and developments from everyday medical practice.

Esanum ist ein Online-Netzwerk für approbierte Ärzte

Esanum ist die Ärzteplattform im Internet. Hier haben Ärzte die Möglichkeit, mit einer Vielzahl von Kollegen in Kontakt zu treten und interdisziplinär Erfahrungen auszutauschen. Diskussionen umfassen sowohl Fälle und Beobachtungen aus der Praxis, als auch Neuigkeiten und Entwicklungen aus dem medizinischen Alltag.

Esanum est un réseau en ligne pour les médecins agréés

Esanum est un réseau social pour les médecins. Rejoignez la communauté et partagez votre expérience avec vos confrères. Actualités santé, comptes-rendus d'études scientifiques et congrès médicaux : retrouvez toute l'actualité de votre spécialité médicale sur esanum.