Il primo caso di diffusione locale di SARS-CoV-2 negli USA

Una ricerca descrive in dettaglio il primo caso di diffusione locale di SARS-CoV-2 negli USA, avvenuta tra due persone dopo un'esposizione prolungata e non protetta. In 372 soggetti entrati in contatto con questi due casi non è stata rilevata alcuna ulteriore trasmissione.

Una coppia affetta da COVID-19 non ha trasmesso il virus alle 372 persone che hanno incontrato

Una recente ricerca descrive in dettaglio il primo caso di diffusione locale di SARS-CoV-2 negli USA, avvenuta tra due persone, marito e moglie, dopo un'esposizione prolungata e non protetta. Nonostante il monitoraggio attivo e il test di 372 soggetti entrati in contatto con questi due casi, non è stata rilevata alcuna ulteriore trasmissione.

Il 23 gennaio 2020, l'Illinois ha riportato il primo caso confermato in laboratorio di COVID-19 in una donna di 60 anni tornata da Wuhan, Cina, a metà gennaio 2020. La prima prova di trasmissione secondaria negli Stati Uniti è stata riportata il 30 gennaio, quando il marito, che non aveva viaggiato fuori dagli Stati Uniti, è risultato contagiato da SARS-CoV-2.
Il 25 dicembre 2019 la paziente si era recata a Wuhan. Al suo ritorno negli Stati Uniti il 13 gennaio 2020, ha avuto sei giorni di febbre leggera, astenia e tosse prima di essere ricoverata in ospedale per una polmonite. È risultata affetta da COVID-19. Prima del ricovero, viveva con il marito che soffre di BPCO e tosse cronica. Queste condizioni hanno reso difficile determinare la tempistica dell'insorgenza dei suoi sintomi legati alla COVID-19. Otto giorni dopo il ricovero della moglie, anche il marito è stato ricoverato in ospedale con peggioramento della dispnea ed emottisi. È risultato positivo al test SARS-CoV-2. Entrambi i pazienti si sono ripresi e sono stati dimessi con ordine di quarantena domiciliare.

Le autorità sanitarie pubbliche hanno condotto un'intensa indagine epidemiologica sui due casi confermati. Sono stati identificati in totale 372 potenziali contatti. 347 persone sono state attivamente monitorate dopo la conferma dell'esposizione alla donna o al marito dall’insorgenza dei sintomi. 152 persone facevano parte della comunità, 195 erano operatori sanitari.
I 347 contatti sono stati sottoposti a monitoraggio attivo dei sintomi per 14 giorni dopo l'ultima esposizione. Di questi, 43 contatti che hanno sviluppato febbre, tosse o dispnea sono stati isolati e testati SARS-CoV-2. È stato anche testato un campione di 32 contatti asintomatici del personale sanitario. Tutti i 75 individui sono risultati negativi al test per SARS-CoV-2.
"Questo rapporto suggerisce che la trasmissione da persona a persona del virus SARS-CoV-2 potrebbe essere più probabile dopo un'esposizione prolungata e non protetta a un individuo con COVID-19 sintomatico", dice la dott.ssa Jennifer Layden, Chief Medical Officer del Dipartimento della Sanità Pubblica di Chicago, USA, che ha co-diretto la ricerca. "Questa esperienza differisce da quella di Wuhan, dove la trasmissione è stata segnalata in tutta la comunità e tra gli operatori sanitari”.

I ricercatori riconoscono che questi dati sono preliminari e notano diversi limiti, tra cui il fatto che il rapporto descrive solo un evento di trasmissione noto. Per questo i risultati potrebbero non essere generalizzabili o rappresentativi di schemi di trasmissione più ampi. Essi sottolineano inoltre che questa indagine potrebbe non aver identificato tutti gli individui con potenziale esposizione a COVID-19. Infine, l'indagine su questi casi ha avuto luogo prima dell'aggiornamento delle linee guida del CDC sulla classificazione del rischio di esposizione tra i contatti dei pazienti con COVID-19. Di conseguenza alcuni casi di COVID-19 potrebbero non essere stati rilevati.



Fonte: Ghinai I, McPherson TD, Hunter JC, Kirking HL, Christiansen D, Joshi K, Rubin R, Morales-Estrada S, Black SR, Pacilli M, Fricchione MJ, Chugh RK, Walblay KA, Ahmed NS, Stoecker WC, Hasan NF, Burdsall DP, Reese HE, Wallace M, Wang C, Moeller D, Korpics J, Novosad SA, Benowitz I, Jacobs MW, Dasari VS, Patel MT, Kauerauf J, Charles EM, Ezike NO, Chu V, Midgley CM, Rolfes MA, Gerber SI, Lu X, Lindstrom S, Verani JR, Layden JE; Illinois COVID-19 Investigation Team. First known person-to-person transmission of severe acute respiratory syndrome coronavirus 2 (SARS-CoV-2) in the USA. Lancet. 2020 Mar 13. pii: S0140-6736(20)30607-3. doi: 10.1016/S0140-6736(20)30607-3.

Esanum is an online network for approved doctors

Esanum is the medical platform on the Internet. Here, doctors have the opportunity to get in touch with a multitude of colleagues and to share interdisciplinary experiences. Discussions include both cases and observations from practice, as well as news and developments from everyday medical practice.

Esanum ist ein Online-Netzwerk für approbierte Ärzte

Esanum ist die Ärzteplattform im Internet. Hier haben Ärzte die Möglichkeit, mit einer Vielzahl von Kollegen in Kontakt zu treten und interdisziplinär Erfahrungen auszutauschen. Diskussionen umfassen sowohl Fälle und Beobachtungen aus der Praxis, als auch Neuigkeiten und Entwicklungen aus dem medizinischen Alltag.

Esanum est un réseau en ligne pour les médecins agréés

Esanum est un réseau social pour les médecins. Rejoignez la communauté et partagez votre expérience avec vos confrères. Actualités santé, comptes-rendus d'études scientifiques et congrès médicaux : retrouvez toute l'actualité de votre spécialité médicale sur esanum.