Il rischio di trombosi legato alla COVID-19 (e ai vaccini)

Un gruppo di ricercatori ha evidenziato che il rischio di trombosi venosa cerebrale da COVID-19 è circa 100 volte maggiore del normale, diverse volte superiore a quella post-vaccinazione o che fa seguito all'influenza.

La COVID-19 determina un rischio di trombosi venosa cerebrale diverse volte maggiore rispetto agli attuali vaccini COVID-19

Un gruppo di ricercatori dell'Università di Oxford ha evidenziato che il rischio di trombosi venosa cerebrale in seguito all’insorgenza di COVID-19 è circa 100 volte maggiore del normale, diverse volte superiore a quella post-vaccinazione o che fa seguito all'influenza.

In base alle conoscenze attuali sappiamo che la trombosi venosa cerebrale (CVT, cerebral venous thrombosis) è stata segnalata in circa 5 persone su un milione dopo la prima dose del vaccino AZ-Oxford COVID-19 (conosciuto come AstraZeneca o Vaxzevria). Ma una domanda chiave era ancora senza risposta: qual è il rischio di CVT dopo una diagnosi di COVID-19?
Una nuova ricerca dell'Università di Oxford ha tentato di rispondere a questa domanda. La ricerca è attualmente in fase di preprint, quindi si tratta di un lavoro iniziale che non è stato ancora sottoposto a peer-review e non è pubblicato in una rivista.

Gli autori dello studio hanno contato il numero di casi di CVT diagnosticati nelle due settimane successive alla diagnosi di COVID-19, o dopo la prima dose di un vaccino. Hanno poi confrontato questi dati con le incidenze di CVT dopo l'influenza e nella popolazione generale.
Lo studio ha incluso un gran numero di soggetti: 513.284 che avevano avuto la COVID-19, 172.742 che avevano avuto l'influenza, e 489.871 che avevano assunto uno dei due vaccini a mRNA. I dati  provenienti dal database statunitense TriNetX sono abbastanza robusti, come dimostrato dagli intervalli di confidenza relativamente piccoli (25-60 casi di CVT per milione di casi di COVID-19. Da notare che i riferimenti ai rischi associati al vaccino AstraZeneca sono basati sui risultati dell'EMA, perché questo vaccino non è usato negli Stati Uniti.
Riportano che la CVT è più comune dopo COVID-19 rispetto ad uno qualsiasi dei gruppi di confronto, con il 30% di questi casi che si verificano in under 30. Rispetto agli attuali vaccini COVID-19, questo rischio è tra 8-10 volte superiore, e rispetto ai dati basali, circa 100 volte superiore.
Il confronto tra i casi riportati di CVT in pazienti COVID-19 e i casi di CVT in coloro cui è stato somministrato un vaccino COVID-19 è:

Tuttavia, tutti i confronti devono essere interpretati con cautela poiché i dati sono ancora in fase di acquisizione.

 

covid e trombosi.png
Incidenza di CVT (A) e PVT - Portal vein thrombosis (B) per milione di persone nelle due settimane dopo differenti eventi.
I numeri tra parentesi a destra di ogni barra rappresentano gli intervalli di confidenza al 95%.
credit: OSF

 

Il Prof. Paul Harrison ha detto: «Grazie a questo studio abbiamo raggiunto due conclusioni importanti. In primo luogo, la COVID-19 aumenta notevolmente il rischio di CVT, aggiungendosi alla lista dei problemi di coagulazione del sangue che questa infezione causa. In secondo luogo, il rischio determinato dalla COVID-19 è più alto di quello degli attuali vaccini, anche per i soggetti under 30. Questo dovrebbe essere preso in considerazione quando si valutano gli equilibri tra rischi e benefici della vaccinazione».
Secondo gli Autori questi dati devono essere interpretati con cautela, soprattutto perché quelli sul vaccino Oxford-AstraZeneca provengono dal monitoraggio EMA, mentre gli altri dalla rete di cartelle cliniche elettroniche statunitensi TriNetX. Tuttavia, secondo i ricercatori, è chiaro che la COVID-19 si leghi a disturbi della coagulazione, tra i quali la CVT e la trombosi della vena porta. Un elemento importante che richiede ulteriori ricerche è capire se la COVID-19 e i vaccini portino a CVT con lo stesso meccanismo o con uno differente.


Fonte: Taquet M, Husain M, Geddes JR, Luciano S, Harrison PJ. Cerebral venous thrombosis: a retrospective cohort study of 513,284 confirmed COVID-19 cases and a comparison with 489,871 people receiving a COVID-19 mRNA vaccine. OSF Website.

Esanum is an online network for approved doctors

Esanum is the medical platform on the Internet. Here, doctors have the opportunity to get in touch with a multitude of colleagues and to share interdisciplinary experiences. Discussions include both cases and observations from practice, as well as news and developments from everyday medical practice.

Esanum ist ein Online-Netzwerk für approbierte Ärzte

Esanum ist die Ärzteplattform im Internet. Hier haben Ärzte die Möglichkeit, mit einer Vielzahl von Kollegen in Kontakt zu treten und interdisziplinär Erfahrungen auszutauschen. Diskussionen umfassen sowohl Fälle und Beobachtungen aus der Praxis, als auch Neuigkeiten und Entwicklungen aus dem medizinischen Alltag.

Esanum est un réseau en ligne pour les médecins agréés

Esanum est un réseau social pour les médecins. Rejoignez la communauté et partagez votre expérience avec vos confrères. Actualités santé, comptes-rendus d'études scientifiques et congrès médicaux : retrouvez toute l'actualité de votre spécialité médicale sur esanum.