La facoltà di medicina fa diminuire l’empatia

Migranti, senzatetto, pazienti in stato di grande precarietà, persone con disturbi mentali: qual è l’approccio dei medici nei confronti di questi pazienti? Uno studio analizza il comportamento dei medici.

Uno studio analizza i comportamenti degli studenti di medicina nei confronti di pazienti svantaggiati

Migranti, senzatetto, pazienti in stato di grande precarietà, persone con disturbi mentali: qual è l’approccio dei medici nei confronti di questi pazienti? Il comportamento dei medici davanti a questi pazienti particolari è uno dei temi di studio preferiti dal Dr. Leaune, psichiatra e docente universitario francese.

Come possiamo monitorare efficacemente persone che, a volte, non hanno nemmeno una casa, tendono a rispondere meno bene alle cure e sono generalmente meno riconoscenti? Davanti a questi pazienti, anche un medico armato di buona volontà si troverà in mezzo ad incomprensioni, con un certo senso di impotenza.

L'empatia verso le persone svantaggiate diminuisce durante gli studi di medicina

Il Dr. Leaune ha recentemente pubblicato uno studio1 che si concentra sulle emozioni degli studenti verso le persone in situazioni precarie, che gli anglosassoni chiamano underserved. Voleva capire perché, come mostrano alcuni studi, la formazione medica tende a smorzare le inclinazioni naturali positive degli studenti. Si tratta allora di conoscere quali strumenti educativi proporre durante gli studi per lottare contro questa "deformazione professionale".  
Il Dottor Leaune e i suoi colleghi hanno fatto una meta-analisi della letteratura basata su 55 studi, quasi tutti anglosassoni. La ricerca in ambito di formazione medica è un campo in cui gli anglosassoni sono molto avanti rispetto agli altri Paesi. Questi studi hanno incluso un totale di 110.000 studenti di medicina. I ricercatori hanno osservato un declino significativo della loro empatia verso le persone svantaggiate durante tutto il periodo di studi, più marcatamente dopo il quarto anno.

Età, sesso, estrazione sociale: cosa conta e cosa no

Si potrebbe pensare che a vent’anni si sia naturalmente più inclini a farsi coinvolgere da questioni sociali, a prendersi cura delle persone in situazioni precarie, e che questo slancio svanisca naturalmente col passare degli anni. Alcuni studi hanno confrontato il comportamento dei medici con quello dei farmacisti. Gli studi mostrano che la perdita di empatia verso le persone svantaggiate è specifica della formazione medica. L'età dello studente o la sua maturazione non sembra essere un fattore rilevante.
Nello studio, gli atteggiamenti più empatici degli studenti di medicina verso i pazienti precari erano significativamente associati al sesso femminile. Questo è probabilmente un fatto culturale: le ragazze sono ancora in gran parte educate alla "cura", il che tende a indirizzarle verso professioni di "cura" come quelle sanitarie o sociali. Questo maggiore interesse delle donne per le situazioni di disagio sociale è una buona notizia in vista della crescente femminilizzazione della medicina, ma non deve farci perdere di vista l’obiettivo che tutti gli studenti dovrebbero avere questa capacità nel loro bagaglio professionale.
Il background sociale degli studenti è un fattore rilevante. Appartenere ad una comunità svantaggiata o ad una minoranza etnica sembra predisporre ad avere una maggiore empatia per le persone della stessa estrazione sociale. Perché non reclutare più studenti da questi ambienti, in modo da avere medici pronti a lavorare in aree svantaggiate? In primo luogo, perché è molto discutibile da un punto di vista etico: sarebbe come selezionare studenti provenienti da ambienti svantaggiati e poi dire loro "tornate da dove siete venuti". In secondo luogo, alcuni studi hanno già dimostrato che questo non funziona o che è efficace a condizione che questa selezione sia associata a un programma pedagogico dedicato alla responsabilità sociale. Infine, ci sono anche studenti provenienti da famiglie agiate che, all'inizio dei loro studi, si interessano fortemente alle popolazioni svantaggiate.
Per il Dr. Leaune, la soluzione non sta nella selezione sociale all'ingresso degli studi di medicina. Si tratta soprattutto di coltivare e rinforzare gli atteggiamenti positivi in tutti gli studenti. Come si può fare? Mettendoli in contatto il più presto possibile con queste tipologie di pazienti, per proteggerli dall'influenza talvolta negativa di certi medici anziani che potrebbero incontrare durante il loro percorso formativo.    

Atteggiamenti positivi contro cattivi modelli  

Un'idea preconcetta è che l'empatia, come tutte le abilità della vita, si sviluppi naturalmente durante il periodo di formazione, e che quindi non sia utile insegnarla. Tuttavia, sembra, che al contrario, durante i tirocini gli atteggiamenti negativi di alcuni medici anziani si trasmettano agli studenti. Secondo lo studio condotto dal Dr. Leaune, una spiegazione della diminuzione dell'empatia è da ricercare nei "modelli di ruolo".
Questo fenomeno si riferisce al fatto che ogni studente si identifica con alcuni medici. È così che gli studenti formano l'identità professionale che poi modella i loro atteggiamenti. A volte le difficoltà, il senso di impotenza, sono interiorizzati dai medici anziani, che non possono esprimerle apertamente. È più facile stereotipare un paziente senzatetto che ammettere a uno studente che non si è in grado o non si è disposti a curarlo.
Alcuni studenti che hanno bisogno di modelli di ruolo possono anche ricadere su caricature come il Dr. House, serie televisiva che tratteggia un medico molto autoritario e burbero. È compito della scuola di medicina dire agli studenti che esistono altri modelli, compatibili con alti gradi di competenze e professionalità. Quello che il Dr. Leaune sottolinea è che la responsabilità della diminuzione di empatia non è dei singoli, ma dell'educazione medica, che non prende in considerazione questi processi.
Un'altra strada da esplorare per spiegare la diminuzione di empatia tra gli studenti - spesso giustamente sottolineata dai medici - è la crescente intensità degli impegni e la scarsa disponibilità di tempo durante il periodo formativo. Tale intensità porta al burnout professionale ed emotivo negli studenti, che a sua volta tende a peggiorare l'interesse per i pazienti con disagio sociale.  

Responsabilità sociale e interventi nella comunità

La meta-analisi realizzata dai ricercatori mostra che lo strumento più efficace per aiutare gli studenti a lottare collettivamente contro questo potere distorsivo degli studi è la realizzazione di "interventi comunitari". Questo implica mettere gli studenti in contatto con persone svantaggiate al di fuori dell'ambiente ospedaliero e il più presto possibile, in modo che possano conoscerle e successivamente non avere pregiudizi.
Questo tipo di approccio è comune negli Stati Uniti, dove la formazione in medicina include tirocini in ambito sociale, oltre ai loro tre pilastri tradizionali - istruzione, ricerca e cura clinica.  In Francia questo sta cominciando ad emergere in diverse facoltà, ma è spesso il risultato di iniziative individuali di docenti consapevoli di questo problema.
A Lione, il dottor Leaune sta creando un servizio di responsabilità sociale in ambito sanitario all'interno della facoltà di medicina. Gli studenti del secondo anno possono iscriversi ad un corso opzionale. Quest'anno, 25 studenti hanno fatto volontariato per 40 ore con senzatetto, migranti, ex detenuti, ecc. L'obiettivo non è quello di osservare, ma di partecipare e condurre un progetto collaborativo sul tema della disuguaglianza sociale e della precarietà: creare strumenti di sensibilizzazione (podcast, poster, video, blog, ecc.), prendere parte ad azioni comunitarie, ecc. La responsabilità sociale non si impara attraverso powerpoint ma attraverso l'esperienza sul campo, con i volontari e le persone. Questo programma sarà distribuito sui diversi anni di università. In futuro, gli studenti potranno fare uno stage in una clinica o con Médecins du Monde, per esempio. L'obiettivo è vedere come possono sensibilizzare gli altri e avviare una coscienza collettiva. Il Dr. Leaune sta anche creando un programma congiunto con il Madagascar e l'Università Laval di Quebec City. L'obiettivo è che gli studenti diventino consapevoli delle realtà di altri sistemi sanitari e che escano dal solito ambiente ospedaliero.


Note:
1- Leaune, E., Rey-Cadilhac, V., Oufker, S. et al. Medical students attitudes toward and intention to work with the underserved: a systematic review and meta-analysis. BMC Med Educ 21, 129 (2021). https://doi.org/10.1186/s12909-021-02517-x

Esanum is an online network for approved doctors

Esanum is the medical platform on the Internet. Here, doctors have the opportunity to get in touch with a multitude of colleagues and to share interdisciplinary experiences. Discussions include both cases and observations from practice, as well as news and developments from everyday medical practice.

Esanum ist ein Online-Netzwerk für approbierte Ärzte

Esanum ist die Ärzteplattform im Internet. Hier haben Ärzte die Möglichkeit, mit einer Vielzahl von Kollegen in Kontakt zu treten und interdisziplinär Erfahrungen auszutauschen. Diskussionen umfassen sowohl Fälle und Beobachtungen aus der Praxis, als auch Neuigkeiten und Entwicklungen aus dem medizinischen Alltag.

Esanum est un réseau en ligne pour les médecins agréés

Esanum est un réseau social pour les médecins. Rejoignez la communauté et partagez votre expérience avec vos confrères. Actualités santé, comptes-rendus d'études scientifiques et congrès médicaux : retrouvez toute l'actualité de votre spécialité médicale sur esanum.