La gestione delle emergenze in Oklahoma

Intervista a Jeffrey M. Goodloe, responsabile medico del servizio di emergenza dell'area metropolitana di Oklahoma City e Tulsa. È anche professore di medicina d'urgenza all'Università dell'Oklahoma.

«Repubblicano o democratico non importa. È importante che un Presidente sia sincero ed empatico»

Jeffrey M. Goodloe è il responsabile medico del servizio di emergenza che copre l'area metropolitana di Oklahoma City e Tulsa, in Oklahoma. È anche professore di medicina d'urgenza all'Università dell'Oklahoma. Fa parte del consiglio di amministrazione dell'American College of Emergency Physicians ed è anche membro dell'Academy of Emergency Medical Services. L'intervista è stata raccolta dai nostri colleghi di esanum france.

Dottor Goodloe, in che tipo di struttura lavora?

Sono il responsabile medico dell'organizzazione che accorpa i servizi di emergenza medica della Greater Oklahoma City Area e di Tulsa, Oklahoma. Questa organizzazione conta più di 4.000 professionisti impegnati sul campo, tra ambulanze e mezzi dei vigili del fuoco. Copriamo più di 1.200 miglia quadrate dello stato dell’Oklahoma, e serviamo più di 1,25 milioni di persone [La popolazione totale dell'Oklahoma è di 4 milioni]. Ogni anno rispondiamo a più di 230.000 chiamate di emergenza 9-1-1.
Sono anche il responsabile medico della nostra polizia di Stato, la Oklahoma Highway Patrol. Vengo chiamato in causa nelle situazioni ad alto rischio, quando ci sono persone barricate o sequestri con ostaggi. Il mio ruolo principale è quello di occuparmi principalmente degli agenti feriti, ma in realtà mi occupo poi anche dei criminali.
Sono infine professore di medicina d'urgenza all'Università dell'Oklahoma. Insegno agli studenti di medicina, agli specializzandi e ai colleghi. Non mi occupo solo di insegnamento e di ricerca, ma lavoro anche nell’ospedale universitario. Visitiamo circa 50.000 pazienti all'anno nel reparto di emergenza. L'ospedale è un’eccellenza per le cure cardiovascolari, la cura dell'ictus, la gestione delle gravidanze a rischio e dei grandi ustionati.

Goodloe.jpg
Jeffrey M. Goodloe

L’ospedale si trova in una zona tradizionalmente più repubblicana o democratica?

L'ospedale si trova in una zona urbana di Tulsa a basso reddito. Si tratta di una zona tradizionalmente più democratica, anche se Tulsa e l'Oklahoma in generale nella storia hanno votato più repubblicani alle varie elezioni.

È rimasto sorpreso dall'elezione di Donald Trump nel 2016?

Sono rimasto un po' sorpreso, anche se Hillary Clinton era una figura che divideva molto. Tra gli Americani ha forti oppositori o forti sostenitori, non conosco nessuno che stia in mezzo tra i due estremi quando si parla di lei. Credo che molti Americani avessero perso fiducia nel governo in generale. Quindi penso che l'elezione di Donald Trump nel 2016 abbia rappresentato per molti versi un'opposizione alla signora Clinton, ma anche un desiderio di cambiamento nei confronti dell'amministrazione di Barack Obama. Non era tanto un messaggio per lui in particolare, quanto piuttosto un messaggio per chiunque fosse al potere.

Negli ultimi quattro anni, pensa che il modo di governare di Trump abbia avuto un impatto sulla sua pratica professionale?

Dall'inizio di questa pandemia, sembra che molti Americani siano diventati più scettici nei confronti della scienza. Uno dei motivi è che Trump e altri politici, sia repubblicani che democratici, hanno inviato messaggi controversi commentando i risultati delle ricerche scientifiche. Qualsiasi risultato di una ricerca sembra ora essere considerato di parte, come se fosse una questione politica da sostenere o contrastare. Eppure i risultati scientifici in quanto tali dovrebbero essere una costante. Sono un medico e sono preoccupato per il modo in cui oggi i risultati scientifici vengono accolti qui negli Stati Uniti.

Avete osservato tensioni nelle équipe sanitarie o con i pazienti a causa di questioni razziali o politiche?

Ho assistito, ed alcuni colleghi mi hanno riferito di aver assistito, a incidenti legati alle tensioni razziali. Sono sempre educato in questi casi, ma fermo: spiego al paziente e/o alla famiglia che non sostituiamo il personale assegnato alle cure in base alle preferenze razziali. Alcuni pazienti rimangono, ma molti scelgono di andarsene immediatamente. Quando questo accade, la mia priorità è quella di sostenere gli studenti, i medici o gli infermieri coinvolti. Dico loro più e più volte quanto li stimiamo, e che non devono permettere al razzismo di scoraggiarli nel portare avanti i loro studi o di ostacolarli nel loro impegno a curare gli altri.
Potremmo vivere in un mondo molto più pacifico se il razzismo venisse sconfitto. Sono orgoglioso di dire che i medici, gli infermieri e i paramedici con cui lavoro sono impegnati a prendersi cura di tutti allo stesso modo e con cura [vi consigliamo di leggere la lettera contro il razzismo che il dottor Goodloe ha inviato lo scorso giugno ai 4.000 professionisti con cui collabora].
Invece, non ho avuto pazienti o familiari che mi abbiano fatto osservazioni per questioni politiche. Molto raramente ho sentito da colleghi medici e infermieri che un paziente voleva essere curato da qualcun altro perché percepiva che la persona che lo curava aveva opinioni politiche radicalmente diverse. Va detto che, dato il ritmo frenetico di un reparto di emergenza, mi chiedo come tali situazioni abbiano il tempo di svilupparsi. Potrebbe trattarsi per lo più di malintesi.

Le proteste del movimento Black Lives Matter hanno avuto un impatto sul suo lavoro?

Mi batterò sempre per difendere il diritto delle persone a riunirsi pacificamente per condividere le loro preoccupazioni o manifestare il loro impegno. Ed è con grande tristezza che quest'anno ho visto tanti feriti durante le manifestazioni che si sono svolte in tutti gli Stati Uniti.
A Oklahoma City e Tulsa abbiamo avuto alcune manifestazioni. Ci sono stati pochissimi feriti. Sembra che i leader di queste proteste cittadine si stiano assicurando che rimangano pacifiche. Sono lì per consegnare un messaggio e vogliono evitare la violenza che distoglierebbe l'attenzione da quel messaggio.
Si sono riunite poche persone. Nelle nostre comunità è raro vedere più di qualche centinaio di persone ad ogni manifestazione. Le preoccupazioni per la pandemia poi possono aver fatto sì che alcuni manifestanti rimanessero a casa.
I nostri colleghi delle forze dell'ordine mi hanno spiegato che molti dei manifestanti più facinorosi non risiedono in Oklahoma. Vengono da altri Stati per incitare al disordine e alla violenza. Le forze dell’ordine conoscono bene il fenomeno, diffuso dappertutto.

Teme episodi di violenza legati alle elezioni?  

Ricordo le settimane di incertezza durante le elezioni presidenziali del 2000. Quest'anno la situazione è diversa. Ho grande rispetto per le persone che hanno rischiato la propria salute per promuovere la nostra democrazia lavorando ai seggi e contando i voti. Sono fiducioso che le incertezze delle ultime settimane si risolveranno molto rapidamente. Alcuni cittadini sceglieranno ancora di credere che ci siano stati brogli elettorali diffusi in queste elezioni, anche se i fatti oggettivi fino ad oggi non supportano questa opinione.
Molte città, tra cui Oklahoma City e Tulsa, hanno piani specifici per affrontare eventuali incidenti che possano verificarsi durante le elezioni. Fortunatamente finora non abbiamo avuto bisogno di usarli. Non ci sono stati episodi di violenza. Spero che si possa concludere questa elezione senza proteste violente.

Per quanto riguarda la COVID-19, quali misure sono attualmente in vigore nel vostro territorio?

Non esiste un piano nazionale contro la pandemia negli Stati Uniti. Alcuni Stati hanno adottato delle misure valide per tutto il territorio, ma molti, tra cui l'Oklahoma, stanno lasciando la responsabilità del controllo delle infezioni a giurisdizioni più piccole. In Oklahoma, questo viene fatto a livello di città, non a livello di contea o di stato.  
Sia a Oklahoma City che a Tulsa c'è l’obbligo di indossare le mascherine, per ordinanza del sindaco e del consiglio comunale. I cittadini sono tenuti a indossare mascherine quando sono fuori casa e con altre persone. Non ci sono multe per le infrazioni. I ristoranti sono aperti ed è permesso mangiarci. Generalmente ci sono pochissmii tavoli all’interno, per favorire il distanziamento fisico. La maggior parte dei negozi sono aperti, con cartelli all'ingresso per ricordare alla gente che, secondo un'ordinanza comunale, è richiesta una mascherina per entrare.

I cittadini rispettano questi obblighi? Sono consapevoli della gravità di questa epidemia?

Noto una certa differenza per età. I cittadini più anziani, spesso con malattie croniche, sembrano prendere più seriamente le misure di prevenzione. Molti rimangono a casa o nei loro giardini il più possibile. Gli adulti più giovani sembrano trovare più difficile indossare sistematicamente la mascherina ed evitare i luoghi affollati. Questa pandemia ha limitato la socializzazione, elemento importante per noi Americani. A volte vediamo assembramenti di persone senza mascherine, ma questo è un evento raro al momento negli Stati Uniti.
La maggior parte dei cittadini pensava alla COVID-19 come ad una malattia poco grave. Ma ora molti di loro conoscono qualcuno che ha dovuto essere ricoverato in ospedale. Alcuni hanno anche visto morire dei familiari. Questi fatti non possono essere ignorati; sono un promemoria che ci ricorda continuamente che non dobbiamo sottovalutare questa malattia.

Qual è la situazione dei servizi di emergenza della città?

I nostri ospedali locali, soprattutto i letti per la terapia intensiva, sono vicini alla loro massima capacità. Anche prima della pandemia, gli ospedali statunitensi erano spesso vicini alla saturazione, per ragioni di bilancio. La pandemia non ha fatto altro che aggravare lo stress degli ospedali in generale.
Oggi abbiamo più pazienti di prima. La maggior parte dei ricoveri non è legata alla COVID-19, ma alle esacerbazioni di malattie croniche o alle lesioni acute. Nei primi giorni della pandemia, il numero di ricoveri nel nostro reparto era diminuito del 40%. La gente aveva paura di essere infettata quando veniva a farsi curare. Quella paura oggi sembra quasi scomparsa.
Lavoro dagli otto ai dieci giorni al mese nel reparto di emergenza e ogni volta vedo i pazienti COVID-19. Anche se indosso i DPI devo proteggere i miei concittadini al di fuori dell'ospedale, quindi devo ridurre al minimo i contatti con loro. Per quanto possibile, trascorro il resto del mio tempo di lavoro nell'ufficio di casa. Questo mi permette di evitare assembramenti e di incontrare altri colleghi che hanno contatti ancora più rischiosi con i loro pazienti.  
Per quanto riguarda i servizi di emergenza di Oklahoma City e Tulsa, continuano ad operare anche se abbiamo paramedici, vigili del fuoco e agenti di polizia che sono in isolamento o in quarantena.  Il numero di personale assente è rimasto gestibile e sono orgoglioso di dire che non ha ridotto la nostra capacità di rispondere alle chiamate al 9-1-1. Pochissimi di questi professionisti possono far risalire la propria malattia a un paziente COVID-19. Si tratta quasi sempre di contagio da esposizione non professionale. Lavoriamo duramente per incoraggiare i dipendenti ad essere vigili anche al di fuori del lavoro.

tulsa_covid19.png
Fonte: Tulsa Health Department

Fisicamente e moralmente, come si sente?

Sto bene. Ho cercato di fare ginnastica regolarmente. Ho anche una cyclette che uso a casa, ma non abbastanza per farmi perdere peso, come si può notare... I campioni del Tour de France non hanno motivo di preoccuparsi.
D'altra parte, sono preoccupato per la salute psicologica del nostro personale: paramedici, pompieri e poliziotti. Condivido regolarmente con loro informazioni per aiutarli a capire meglio il virus SARS-CoV-2, il suo comportamento, la malattia COVID-19 e cosa possiamo fare individualmente per combattere l'infezione.
In particolare, per quanto riguarda la salute psicologica dei medici di emergenza, l'American College of Emergency Physicians ha condotto un'interessante indagine su ciò che dissuade i medici di emergenza dal cercare un sostegno terapeutico (Workplace Stigma, Fear of Professional Consequences Prevent Emergency Physicians from Seeking Mental Health Care).
I risultati sono stati pubblicati alla fine di ottobre.

Tuttavia:

Osserva una crescente sfiducia della popolazione nei confronti dei medici?

Alcuni recenti commenti politici hanno messo in dubbio l'integrità dei medici rispetto ai rapporti sui casi di COVID-19 negli Stati Uniti. Non ho visto nessuno dei miei colleghi riferire informazioni errate.
La maggior parte dei pazienti sembra ascoltare i nostri consigli e le istruzioni per il trattamento. Ci sono persone che diffideranno sempre dei medici, ma raramente vengono a trovarmi! La maggior parte di queste persone sa che quello che diciamo loro - risultati di test, diagnosi, trattamenti consigliati - è vero, ma una tale verità può essere emotivamente devastante per loro. È sempre triste vedere qualcuno con una malattia curabile aspettare che diventi incurabile prima di iniziare la giusta terapia.
In generale, le mie interazioni con i pazienti quest'anno sono state più attente che in passato. Molto più che in tutta la mia carriera medica (ho iniziato come tecnico medico d'urgenza nel 1988). Quindi sono felice di dire che, almeno da questo punto di vista, le cose oggi sono migliori. Alcuni pazienti ci ringraziano per essersi presi cura di loro in questo difficile momento.

L'uso dell'idrossiclorochina è stato un argomento controverso?

Negli Stati Uniti l'idrossiclorochina non ha costituito un problema per i medici. C'è stato un periodo, breve, in cui molti medici speravano che potesse essere utile nel trattamento della COVID-19. Dopo le prime considerazioni è iniziata un'analisi più approfondita che ha messo in discussione l'utilità dell'idrossiclorochina.
Oggi i medici americani sanno che la maggior parte delle prove scientifiche ne sconsiglia l'uso. Alcuni responsabili politici statunitensi, sia a livello federale che statale, hanno difeso l'uso dell'idrossiclorochina. Credo che nessun medico la usi più ormai, sostituita da altre terapie che sembrano essere più efficaci.  Non ho incontrato pazienti che richiedessero specificamente l'idrossiclorochina, anche nei primi giorni di questa pandemia.

Come medico, qual è la sua valutazione della gestione della crisi sanitaria da parte di D.Trump?

Non è facile individuare le precise direttive fornite dal Presidente ai singoli stati per la gestione di questa pandemia. In generale, come scienziato e medico, sono stato spesso deluso dalle sue dichiarazioni, quando ha detto, ad esempio, che il virus sarebbe scomparso miracolosamente in pochi giorni o che bere disinfettanti avrebbe ucciso il virus. E poi le dichiarazioni che minimizzavano l'impatto del virus sulla salute degli individui e delle comunità o quelle che mettevano in dubbio l'integrità dei medici che comunicavano i dati della pandemia.  
A mio parere, questa retorica non aiuta nessuno di noi a trovare le risposte di cui abbiamo bisogno per preservare la salute della popolazione e lavorare insieme per risolvere questa crisi. Ho vissuto tutta la vita negli Stati Uniti (anche se amo viaggiare in altri paesi; la Francia, ad esempio, è uno dei miei posti preferiti). Ho avuto modo di vedere all’opera molti presidenti, sia repubblicani che democratici, e ho imparato una cosa. Repubblicano o democratico non importa. È importante che un Presidente sia sincero ed empatico.

Il presidente Biden porterà un vero cambiamento?

Le sue dichiarazioni e quelle del Vice Presidente Harris sono incoraggianti. La composizione della task force nominata da Biden riflette il suo impegno per la scienza e l'esperienza dei suoi consulenti. Conosco uno di loro, Michael Osterholm, dottorando all'Università del Minnesota e direttore del Center for Infectious Disease Research and Policy. Si è sempre preoccupato dei risultati scientifici, non di chiacchiere o di illusioni. È troppo presto per dire quanti cambiamenti porterà il nuovo presidente degli Stati Uniti, ma la maggior parte degli scienziati americani ha molta fiducia.

Esanum is an online network for approved doctors

Esanum is the medical platform on the Internet. Here, doctors have the opportunity to get in touch with a multitude of colleagues and to share interdisciplinary experiences. Discussions include both cases and observations from practice, as well as news and developments from everyday medical practice.

Esanum ist ein Online-Netzwerk für approbierte Ärzte

Esanum ist die Ärzteplattform im Internet. Hier haben Ärzte die Möglichkeit, mit einer Vielzahl von Kollegen in Kontakt zu treten und interdisziplinär Erfahrungen auszutauschen. Diskussionen umfassen sowohl Fälle und Beobachtungen aus der Praxis, als auch Neuigkeiten und Entwicklungen aus dem medizinischen Alltag.

Esanum est un réseau en ligne pour les médecins agréés

Esanum est un réseau social pour les médecins. Rejoignez la communauté et partagez votre expérience avec vos confrères. Actualités santé, comptes-rendus d'études scientifiques et congrès médicaux : retrouvez toute l'actualité de votre spécialité médicale sur esanum.