La pandemia di COVID-19 e la chiusura delle scuole

In un articolo pubblicato su JAMA Pediatrics viene affrontato il ruolo della chiusura delle scuole nella gestione della pandemia di COVID-19. Nell’articolo si mette in discussione l’utilità di questa misura adottata da diversi Paesi nel mondo.

Dubbi sull’efficacia della chiusura delle scuole per prevenire la diffusione del virus SARS-CoV-2

In un articolo pubblicato su JAMA Pediatrics viene affrontato il ruolo della chiusura delle scuole nella gestione della pandemia di COVID-19. Nell’articolo si mette in discussione l’utilità di questa misura adottata da diversi Paesi nel mondo, si evidenziano le conseguenze negative di questo provvedimento e si analizzano alcuni aspetti della riapertura.

Nella maggior parte dei Paesi, i tentativi di ridurre la circolazione del virus SARS-CoV-2 e l’insorgenza della COVID-19 si sono basati principalmente su misure di contenimento, tra cui la restrizione delle interazioni sociali, il divieto di movimento all'interno del territorio nazionale e la chiusura di tutte le attività non essenziali durante la pandemia, comprese le scuole. Mentre la chiusura delle aziende e la restrizione di altre interazioni sociali, insieme a un adeguato lavaggio delle mani, rimangono le misure migliori per ridurre le conseguenze della COVID-19, l'utilità della chiusura delle scuole può essere messa in discussione.

La chiusura delle scuole non è una misura efficace

È molto probabile che la ragione più importante che ha portato i governi a chiudere le scuole sia stata l'evidenza che l'introduzione precoce di questa misura restrittiva è stata efficace nel ridurre i tassi di incidenza dell'influenza e i relativi problemi clinici, sociali ed economici durante le epidemie di influenza sia stagionali che pandemiche. Tuttavia, non è affatto certo che ci si possano aspettare gli stessi vantaggi nel caso della pandemia COVID-19. È persino possibile che la chiusura della scuola possa avere effetti negativi e portare a maggiori problemi medici, economici e sociali. Gli studi basati su modelli matematici sembrano indicare che la chiusura della scuola può essere significativamente efficace per il controllo delle infezioni solo quando le epidemie sono dovute a virus con bassa trasmissibilità e i tassi di contagio sono più elevati nei bambini che negli adulti. Questo vale per i virus influenzali e le infezioni influenzali, ma non sembra valido per i coronavirus, tra cui il SARS-CoV-2, che hanno dinamiche di trasmissione diverse, o per la COVID-19, che colpisce soprattutto gli adulti e gli anziani.
Sebbene non siano disponibili dati ufficiali, a nostra conoscenza, sull'efficacia della chiusura delle scuole durante l'epidemia di COVID-19, la scarsa rilevanza di questa misura restrittiva sembra confermata da alcuni riscontri. In una revisione sistematica del 2020, Viner et al (“School closure and management practices during coronavirus outbreaks including COVID-19: a rapid systematic review”) hanno dimostrato che non esistono dati sul contributo relativo della chiusura delle scuole al controllo della trasmissione della SARS-CoV-2. I dati relativi all'epidemia di SARS nella Cina continentale, Hong Kong e Singapore suggeriscono che la chiusura delle scuole non ha contribuito al controllo dell'epidemia. Recenti studi di modellazione della COVID-19 del Regno Unito, basati su dati della provincia di Wuhan, hanno previsto che la sola chiusura delle scuole avrebbe evitato solo il 2-4% dei decessi, molto meno di altri interventi di distanziamento sociale.

Le conseguenze negative della chiusura delle scuole

Se l'efficacia della chiusura della scuola è discutibile, le potenziali conseguenze negative di questa misura non possono essere ignorate. Alcune conseguenze riguardano la famiglia. Per prendersi cura dei bambini più piccoli quando gli asili e le scuole sono chiusi, i genitori devono rimanere a casa, con inevitabili conseguenze economiche. Inoltre, quando i genitori sono operatori sanitari, questo può avere effetti rilevanti sulla salute della comunità. Negli Stati Uniti è stato calcolato che l'assenza dal lavoro del 15% degli operatori sanitari può essere associata a un aumento significativo della mortalità COVID-19.
Se i genitori devono lavorare e i nonni devono diventare i custodi primari dei bambini, il rischio che queste persone, che sono di per sé a maggior rischio di malattia grave, possano contrarre un'infezione aumenta notevolmente, ed è quanto è accaduto in Italia nelle prime 2 settimane in cui è stata decisa la chiusura della scuola, ma non sono state interrotte altre attività lavorative.
Inoltre, la chiusura della scuola può causare rischi di approfondimento delle disuguaglianze sociali, economiche e sanitarie, soprattutto nei Paesi a reddito limitato. L'apprendimento a distanza attraverso le tecnologie digitali che è stato pianificato da diversi Paesi per sostituire la scuola tradizionale può essere difficile da implementare anche in alcuni Paesi industrializzati. Ciò significa che un gruppo rilevante di bambini può rimanere sostanzialmente escluso non solo dall'apprendimento, ma anche da qualsiasi forma di socializzazione con i coetanei e con il mondo circostante.
Tutti questi limiti spiegano perché alcuni esperti suggeriscono che i potenziali vantaggi di un'eventuale chiusura della scuola devono essere bilanciati con gli effetti negativi secondari.

Come e quando la scuola potrà essere riaperta?

Un altro problema importante, ma irrisolto, strettamente legato alla chiusura della scuola, è come e quando la scuola può essere riaperta. È stato suggerito che i bambini che risultano positivi ai test sierologici che identificano le IgG contro il virus SARS-CoV-2 potrebbero essere ammessi a scuola. Si suppone che la positività potrebbe permettere l'identificazione di bambini che sono già stati infettati, considerandoli protetti. Potrebbero quindi frequentare la scuola senza rappresentare di per sé un rischio per gli altri bambini.
Questa procedura presenta diversi problemi. La sensibilità dei test anticorpali attualmente disponibili non è ottimale. La maggior parte dei bambini ha un'infezione asintomatica e, poiché la risposta immunitaria all'infezione da SARS-CoV-2 è risultata maggiore quanto più grave è la malattia, sembra probabile che la maggior parte dei bambini abbia un titolo anticorpale basso, inadeguato per ottenere la positività in test con sensibilità relativamente bassa. Inoltre, anche quando vengono misurati i livelli di IgG, non è possibile affermare se i bambini sono protetti o quanto a lungo può durare la protezione. Il livello di protezione anticorpale e la risposta immunitaria secondaria alla SARS-CoV-2 non sono noti. Considerati nel loro insieme, questi fattori sembrano indicare che la maggior parte dei bambini con positività alle IgG non può essere identificata e, anche se identificata, non può essere considerata protetta a lungo termine. Alla ripresa della scuola bisogna seguire altri criteri, come l'adozione sistematica di mascherine, con alcune lezioni dedicate al loro uso e a tutte le misure igieniche per la prevenzione della COVID-19, lo screening con misurazione della temperatura, la chiusura delle classi con studenti infetti.

 


Fonte: Esposito S, Principi N. School Closure During the Coronavirus Disease 2019 (COVID-19) Pandemic: An Effective Intervention at the Global Level? JAMA Pediatr. Published online May 13, 2020. doi:10.1001/jamapediatrics.2020.1892

Esanum is an online network for approved doctors

Esanum is the medical platform on the Internet. Here, doctors have the opportunity to get in touch with a multitude of colleagues and to share interdisciplinary experiences. Discussions include both cases and observations from practice, as well as news and developments from everyday medical practice.

Esanum ist ein Online-Netzwerk für approbierte Ärzte

Esanum ist die Ärzteplattform im Internet. Hier haben Ärzte die Möglichkeit, mit einer Vielzahl von Kollegen in Kontakt zu treten und interdisziplinär Erfahrungen auszutauschen. Diskussionen umfassen sowohl Fälle und Beobachtungen aus der Praxis, als auch Neuigkeiten und Entwicklungen aus dem medizinischen Alltag.

Esanum est un réseau en ligne pour les médecins agréés

Esanum est un réseau social pour les médecins. Rejoignez la communauté et partagez votre expérience avec vos confrères. Actualités santé, comptes-rendus d'études scientifiques et congrès médicaux : retrouvez toute l'actualité de votre spécialité médicale sur esanum.