La paura della malattia tra i bambini e gli adolescenti

Il disturbo d’ansia da malattia viene diagnosticato spesso in età adulta, ma si sviluppa già in età infantile e durante l’adolescenza. Tuttavia esistono pochi studi sull’argomento che includono bambini e adolescenti.

Intervista alla Dr.ssa Vera Özak, psicologa della Goethe-Universität di Francoforte

Il disturbo d’ansia da malattia viene diagnosticato spesso in età adulta, ma si sviluppa già in età infantile e durante l’adolescenza. Tuttavia esistono pochi studi sull’argomento che includono bambini e adolescenti.

Il disturbo d’ansia da malattia è la preoccupazione di essere affetto o ammalarsi di una patologia grave. Spesso la paura di ammalarsi si sviluppa durante l'infanzia e l'adolescenza. Tuttavia questo viene per lo più rilevato solo in età adulta, retrospettivamente. Per questo risulta innovativo l’approccio della Dr.ssa Vera Özak, una psicologa laureata alla Goethe-Universität di Francoforte. È sua intenzione studiare i dettagli del disturbo d’ansia da malattia che si verifica in giovane età come parte dello studio KaiKiJu (Krankheitsangst im Kindes- und Jugendalter - Ansia da malattia nell’infanzia e nell’adolescenza). In questa intervista, la Dottoressa Özak descrive il background dello studio, elenca i "segnali di avvertimento" per i pediatri e dà una prospettiva su quali conseguenze psicologiche a lungo termine potrebbero essere osservate più frequentemente dopo la pandemia di COVID-19.

Dottoressa Özak, nell'ambito del progetto KaiKiJu lei vuole ricercare le cause e le modalità del disturbo d’ansia da malattia che si sviluppa in giovane età. Qual è lo stato attuale della ricerca a questo proposito?

Lo stato attuale della ricerca è esattamente il problema. La maggior parte delle ricerche sui temi dell'ansia da malattia o dell'ipocondria si riferiscono all'età adulta. Poi gli studi retrospettivi riferiscono spesso che l'ansia da malattia è esistita fin dall'infanzia e dall'adolescenza. Tuttavia, ci sono relativamente poche ricerche sull'infanzia e l'adolescenza. Quel poco che c'è, mostra che queste paure si verificano nei bambini e negli adolescenti, che l'ansia da malattia si verifica in modo cronico o ricorrente. Si tratta quindi di un disturbo che viene studiato molto bene solo in età adulta, anche se i sintomi si manifestano già nell'infanzia e nell'adolescenza.
Ci potrebbero anche essere diverse ragioni per cui questo approccio di ricerca è stato trascurato finora. Potrebbe essere che, fino ad una certa età, i bambini non siano sufficientemente capaci di identificare abbastanza specificamente l'ansia da malattia, e che poi, semplicemente, questa si riversi in altri disturbi d'ansia. In età infantile ci sono spesso disturbi d'ansia, ma sono meno definiti rispetto agli adulti, perché le paure possono muoversi da un'area all'altra, a seconda della fase di sviluppo che un bambino sta affrontando in quel momento. In particolare, le somatizzazioni possono essere identificate meno chiaramente dai bambini. Ci possono ancora essere disturbi d’ansia da malattia che si manifestano per il bambino più nella direzione della somatizzazione o della paura di morire per essa. Questo può allora essere interpretato come una forma di ansia da separazione. Non è molto chiaro se, in questa fase, ci siano sintomi specifici che confluiscono in altri disturbi d'ansia infantili.

Cosa l’ha spinta a fare più luce sul tema dell'ansia in età infantile?

Alcuni anni fa, il Professor Weck, alla Goethe-Universität ha fatto alcune ricerche sull'ansia da malattia in età adulta. Tra le altre cose, c'erano rapporti di pazienti con disturbi d’ansia da malattia in età adulta che riferivano retrospettivamente di aver notato questi sintomi già nell'infanzia. Quando abbiamo controllato lo stato della ricerca, abbiamo scoperto che ci sono state pochissime indagini su questo argomento in età infantile. Soprattutto nel mondo di lingua tedesca, dove non esisteva nemmeno un questionario per bambini che trattasse l'argomento. Ne abbiamo trovati solo in inglese. Questo è stato l'impulso a trattare l'argomento in modo più dettagliato.

Esiste la possibilità che i bambini “si contagino” precocemente a casa di disturbi d'ansia da malattia - cioè a causa del modo in cui i loro genitori affrontano il tema della malattia?

Ci sono sicuramente delle connessioni. Naturalmente, ci sono anche connessioni generali tra i problemi psicologici dei genitori e dei bambini, dove vari fattori giocano un proprio ruolo. Tuttavia, ci sono risultati della ricerca sull'ansia da malattia che si concentrano su aspetti come l'iperprotezione dei genitori, modalità di affezione che denotano insicurezza o su fattori genetici che possono essere influenti su certi tipi di ansia. Naturalmente, come per tutti i disturbi psicologici, si suppone che una gran parte potrebbe essere dovuta all'apprendimento del modello da parte dei genitori.

Può spiegare il disegno dello studio in modo più dettagliato? Chi può parteciparvi?

Lo studio è stato concepito e pianificato prima della pandemia di COVID-19. Avevamo già iniziato con la prima raccolta di dati nelle classi scolastiche prima dell'inizio dell’emergenza sanitaria. Le indagini basate sul questionario sono state condotte classe per classe, dove abbiamo registrato solo gli alunni. Per la nostra versione online, ora modificata, abbiamo anche messo insieme un pacchetto di questionari per i genitori. Stiamo cercando partecipanti tra gli 8 e i 19 anni. Iniziamo con l'età di 8 anni perché questa è la prima età in cui ci si può fidare che i bambini completino i questionari, ma anche perché da questa età in poi il concetto di salute e malattia diventa lentamente più tangibile. Arriviamo fino a 19 anni perché questa è l'età in cui molti finiscono la scuola. Volevamo rivolgerci principalmente agli alunni e tuttavia non tralasciare gli adulti, perché molti studenti sono ancora legati alla casa dei genitori fino alla fine della scuola e quindi ci sono influenze da questo punto di vista.
Attualmente abbiamo un formato online rivolto sia ai bambini che ai genitori. Naturalmente, è meglio se partecipano entrambi i gruppi, perché così si possono esaminare anche le somiglianze tra genitori e figli. Sondiamo sia nei bambini sia nei genitori diverse aree di stress psicologico con diversi questionari definiti. Questi includono questionari sull'ansia da malattia, questionari sui sintomi somatici, sullo stress psicologico generale, sui sintomi depressivi, o anche indagini su paure e compulsioni nei bambini - cioè modelli che possono essere fortemente caratterizzati come una comorbidità dell'ansia da malattia. Fondamentalmente, è stato dimostrato che l'ansia da malattia di solito coinvolge almeno un altro disturbo mentale clinicamente significativo come comorbidità. Raramente si verificano da soli e in isolamento.

Fino a quando si svolgerà la raccolta dei dati?

Vorremmo condurre il sondaggio nella popolazione generale fino alla fine di aprile 2021. Forse (dipende un po' dalla situazione della scuola) estenderemo un po' di più il periodo del sondaggio, perché molti bambini passano comunque molto tempo davanti al computer al momento. La disponibilità a compilare qualcosa in più potrebbe non essere molto alta. Tuttavia, la scadenza attuale è il 30 aprile 2021. In caso di dubbio, la proroga dovrebbe andare fino alla fine di maggio 2021.
Allo stesso tempo, il progetto viene condotto presso il nostro centro di psicoterapia di Francoforte (Zentrum für Psychotherapie in der Ambulanz für Kinder und Jugendliche), nell'ambulatorio per bambini e adolescenti, dove abbiamo un campione clinico per il confronto. Si tratta di bambini che sono in cura per vari disturbi psicologici. In questo contesto, l'indagine durerà fino alla fine di giugno 2021.

Ci sono dei "segnali di avvertimento" che i pediatri, per esempio, potrebbero usare per riconoscere che i loro pazienti stanno per sviluppare un disturbo d'ansia da malattia particolarmente pronunciato?

Penso che questo sia particolarmente evidente nella forma del classico "visitare il medico particolarmente spesso" per rassicurarsi che un sintomo non significhi forse qualcosa di brutto. Questo è essenzialmente lo stesso comportamento che si ha negli adulti, ma forse meno evidente nei bambini. Le frequenti visite al medico senza che siano evidenti le ragioni effettive sarebbero sicuramente un segnale d'allarme. Ma lo stesso può valere anche per l'evitamento completo delle visite dal medico, cioè semplicemente il non voler sapere cosa potrebbe esserci di sbagliato. In generale, l'ansia da malattia può manifestarsi in entrambe le direzioni. Per l'aspetto della rassicurazione forte, è anche particolarmente importante coinvolgere i genitori dei pazienti pediatrici. Quanto spesso il bambino chiede ai genitori una valutazione dei sintomi fisici? Quanto spesso è necessaria la rassicurazione dei genitori per dare garanzie al bambino che non c'è niente che non va?

A causa della pandemia di COVID-19 in corso, vede un aumento del rischio che più bambini soffrano di conseguenze psicologiche a lungo termine e sviluppino, per esempio, forme gravi di ansia da malattia?

Eventi di vita stressanti sono sicuramente un possibile fattore predisponente o scatenante dell'ansia da malattia. Noi ipotizziamo un modello in cui le prime esperienze con le malattie o i trattamenti medici giocano un ruolo, e in cui un evento di vita stressante o critico viene poi sommato - in aggiunta a vari altri fattori.
L'attuale pandemia COVID-19 soddisfa già entrambi i criteri. I bambini hanno molto più contatto con esperienze di malattia e trattamenti medici, sia nell'ambiente familiare che attraverso i media. Gli eventi critici includono misure come la quarantena o le restrizioni di contatto, che hanno già dimostrato di avere un forte impatto sullo stress psicologico dei bambini. Questo significa che si può sicuramente ipotizzare un modo diverso di affrontare i sintomi della malattia, che potrebbe anche essere mantenuto a lungo termine.
Lo studio COPSY (Corona & Psiche) di Amburgo, il primo grande studio tedesco su coronavirus e bambini, mostra, per esempio, che le paure si verificano già significativamente più frequentemente e spesso hanno un decorso ricorrente o cronico. Pertanto, si può presumere che gli effetti psicologici della COVID-19 si faranno sentire per un bel po' di tempo. Allo stesso tempo, lo studio mostra che lo stress nel sistema familiare ha una grande influenza e che le famiglie in cui i genitori hanno un basso livello di istruzione o che vivono in uno spazio ristretto sono particolarmente gravate. Anche lì, le conseguenze della pandemia di COVID-19 non sono del tutto prevedibili. Tuttavia, questi sono tutti fattori che hanno un impatto sulla salute mentale dei bambini. Pertanto, si può supporre che il problema non termini improvvisamente con la fine dell lockdown o della pandemia, ma avrà un impatto sulla vita quotidiana dei bambini e sulla loro psiche.

Esanum is an online network for approved doctors

Esanum is the medical platform on the Internet. Here, doctors have the opportunity to get in touch with a multitude of colleagues and to share interdisciplinary experiences. Discussions include both cases and observations from practice, as well as news and developments from everyday medical practice.

Esanum ist ein Online-Netzwerk für approbierte Ärzte

Esanum ist die Ärzteplattform im Internet. Hier haben Ärzte die Möglichkeit, mit einer Vielzahl von Kollegen in Kontakt zu treten und interdisziplinär Erfahrungen auszutauschen. Diskussionen umfassen sowohl Fälle und Beobachtungen aus der Praxis, als auch Neuigkeiten und Entwicklungen aus dem medizinischen Alltag.

Esanum est un réseau en ligne pour les médecins agréés

Esanum est un réseau social pour les médecins. Rejoignez la communauté et partagez votre expérience avec vos confrères. Actualités santé, comptes-rendus d'études scientifiques et congrès médicaux : retrouvez toute l'actualité de votre spécialité médicale sur esanum.