"Le Divan des médecins", un divano scomodo

Creato nel 2017, "Le Divan des médecins" è un gruppo Facebook riservato ai medici. Contiene molti contenuti discutibili: foto di pazienti riconoscibili e soprattutto molti commenti offensivi, alcuni dei quali sono perseguibili penalmente.

In Francia, un gruppo Facebook riservato ai medici è sotto i riflettori a causa dei suoi eccessi, compresi i commenti offensivi nei confronti dei pazienti.  

Creato nel 2017, "Le Divan des médecins" è un gruppo Facebook riservato ai medici. Contiene molti contenuti discutibili: foto di pazienti riconoscibili e soprattutto molti commenti offensivi, alcuni dei quali sono perseguibili penalmente. Queste pratiche sono state denunciate su “L’OBS” lo scorso 5 gennaio.

In origine, un gruppo di auto-aiuto

C'è chi considera questo gruppo Facebook un vero e proprio sostegno professionale e morale. Infatti sempre più medici si sentono isolati, lavorano sotto pressione e hanno poco tempo per incontrare i loro coetanei. Hanno bisogno di confrontarsi con altri medici, di scaricare lo stress, ma anche di chiedere consigli clinici. Questa necessità è sentita soprattutto dai medici di medicina generale, che hanno sempre più difficoltà a contattare direttamente gli specialisti. I social network sono un modo semplice. Su Twitter, per esempio, c'è l'hashtag #DocTocTocToc che permette di attirare l'attenzione dei colleghi.
Un medico ha raccontato sul gruppo "Le Divan des médecins" di aver dovuto smettere di lavorare per occuparsi del figlio malato di leucemia. I membri hanno quindi organizzato una colletta per permettergli di pagare le spese del suo studio. Stessa cosa è successa su Twitter.  Una dottoressa cercava supporto per poter interrompere la sua attività e prendersi cura del compagno malato di tumore. Un altro medico ha subito organizzato una raccolta di fondi che ha avuto molto successo.

L'altra faccia della medaglia

Il primo problema è la privacy dei pazienti. Su questo gruppo Facebook, di solito, i medici sfocano le immagini, ma a volte le persone sono ancora riconoscibili. Su una risonanza magnetica, il nome del paziente era stato solo parzialmente cancellato, e in pochi clic gli autori dell'articolo di denuncia hanno identificato il paziente. Il medico che desidera pubblicare una foto o i dati di una visita su un sito web o su un social network deve avere il consenso del paziente. Questa norma viene sempre rispettata?
Un altro rischio è la reale identità dei membri del gruppo. Per registrarsi, i medici devono fornire il loro numero di registrazione all’ordine, ma in Francia questi dati sono accessibili.
Il problema principale però è l'attività di una minoranza di individui (una ventina secondo uno dei membri) che fanno in continuazione battute oscene e propongono ad esempio "sfide di nudo" (i medici devono inviare loro, nudi, nel loro studio). Soprattutto, sono frequenti i commenti offensivi nei confronti di chi non è medico.

Una valvola di sfogo

Tra i target: i pazienti con determinate patologie (la fibromialgia ad esempio), ma anche quelli con assicurazione sanitaria gratuita (persone in situazioni precarie) e quelli che non si presentano agli appuntamenti. Altri commenti attaccano le donne e gli omosessuali. Anche i post più seri finiscono poi per essere contaminati da commenti offensivi. Ad esempio, quando un medico pubblica la foto di un paziente per chiedere il parere di uno specialista, altri medici criticano il fisico del paziente.  “Se ha il seno cadente, nemmeno la visito” è scritto in uno dei commenti.
Quando un membro del gruppo osa criticare questi comportamenti, può diventare a sua volta bersaglio di commenti violenti, essere considerato un "traditore" e a volte bannato dal gruppo. Una dottoressa ha anche segnalato il gruppo alla piattaforma Pharos, che permette alla polizia di indagare sui contenuti illegali dei siti web e dei social network, ma finora non è stata intrapresa alcuna azione. Tutti questi comportamenti pongono un problema di deontologia professionale. Nell'articolo, un avvocato ricorda che "Anche nella sfera privata, un medico deve comportarsi secondo il suo codice etico 24 ore su 24".
Il Conseil national de l’Ordre des Médecin ha dichiarato che non era a conoscenza di questo gruppo. Ha definito alcuni dei contenuti "spaventosi" e sta valutando l'opportunità di avviare un procedimento legale. Nel 2011 aveva pubblicato sul web raccomandazioni su come i medici dovrebbero comportarsi: "Non devono scivolare nella derisione, nell'ironia offensiva, nella stigmatizzazione di una categoria sociale, nell'insulto pubblico o addirittura nella diffamazione”. L'amministratore del gruppo, citato nell'articolo, assicura che le accuse contro il gruppo provengano da membri che vogliono semplicemente criticarlo.
Sulla homepage di questo gruppo Facebook il messaggio di benvenuto è chiaro: “ecco il regno dell’humour carabin". "Carabin" è il soprannome dato agli studenti di medicina francesi. L’origine del soprannome non è chiara. Forse deriva dalla parola "scarabée" (scarabeo), un animale che scava nel terreno, perché durante le epidemie di peste erano gli studenti di medicina a seppellire i morti. Un'altra spiegazione lo fa derivare dalla parola "carabine" (fucile) perché nel XVIII secolo gli studenti di medicina degli ospedali militari erano armati. Questo termine è usato soprattutto per indicare le battute volgari o a sfondo sessuale degli studenti di medicina. Ma questo umorismo molto specifico permette ogni sorta di eccessi?

Lo “humour carabin”

Nell'articolo, un medico e antropologo ne dà una definizione: "È un umorismo praticato dai medici per prendere le distanze dai tabù con cui la loro professione li mette a confronto". Sarebbe un modo per i medici di lottare contro lo stress nato all'inizio del XIX secolo. I giovani medici, provenienti dalla borghesia, durante la loro formazione venivano brutalmente messi a confronto con la miseria e la sofferenza. Reagivano facendo quello che la loro impunità permetteva loro di fare. Si ubriacavano o andavano a prostitute. Questa cultura e questo umorismo sono diventati meno presenti dopo l’aumento del numero di donne tra i medici e dal momento che i medici non sono più sistematicamente attinti dall'élite. I medici non sono più considerati "al di sopra" della legge e i pazienti rivendicano i loro diritti. Questo particolare umorismo, che spesso li prende in giro, è quindi sempre meno tollerato.   
Si può scrivere tutto su un gruppo Facebook in nome dell'umorismo e perché il gruppo è privato? In primo luogo, la libertà di espressione non consente alcuni commenti che sono punibili dalla legge. In secondo luogo, la natura privata di un gruppo di queste dimensioni è messa in discussione. Questa è la famosa "zona grigia": non ci si può comportare con 11.000 colleghi come se si fosse con pochi colleghi nella stessa stanza. Inoltre, alcuni medici spiegano che devono, al contrario, dare l'esempio alla popolazione e non prendere in giro gli omosessuali, le donne, le persone grasse, ecc.   

E ora?

Può sembrare sorprendente che i medici, i quali conoscono il valore legale di un documento scritto perché sono abituati a scrivere certificati, si siano permessi di scrivere tali commenti. Inoltre, i medici francesi in genere non vogliono alimentare il "doc bashing" che riemerge regolarmente sui social network. Ad esempio, recentemente è scoppiata una polemica sul presunto razzismo di alcuni medici, a seguito di un tweet controverso di un medico francese molto popolare su twitter. Tuttavia, sembra che alcuni membri del gruppo credano di essere protetti dalla doppia impunità fornita dal loro status di medici e dall'anonimato sui social network. Ma alcuni membri del gruppo "le Divan des médecins" non sono sorpresi che gli eccessi siano stati rivelati. "Non prendiamoci in giro, questo gruppo alla fine verrà scoperto e sarà la nuova LOL League", ha scritto uno dei membri. Si riferiva allo scandalo che ha colpito i media all'inizio del 2019. La Ligue du Lol era un gruppo confidenziale di Twitter composto nel 2010 da una trentina di giovani giornalisti. Questo gruppo sessista e omofobo organizzava molestie informatiche (bufale, fotomontaggi, ecc.). Molti dei membri, alcuni dei quali avevano avuto una carriera nei media, sono stati licenziati in seguito allo scandalo.             
Una storia simile ha riguardato il gruppo di Facebook "Les médecins ne sont pas des pigeons", i cui eccessi sono stati rivelati alla fine del 2016. Molti post erano razzisti, omofobi e deridevano i disabili. Dopo una denuncia presentata da un'associazione femminista, il sistema giudiziario decise che l'amministratore del gruppo non era responsabile di ciò che i membri avevano detto, e non poteva essere condannato. Il gruppo esiste ancora.
Qual è il futuro di "Divan des médecins"? Potrebbe essere "ripulito" da contenuti problematici, o chiuso. E magari riaperto altrove, sotto altro nome. Si parla di un "mini Divan", un sito che sarebbe ancora più caustico.


Fonte: «Quand les seins tombent, je refuse la consultation» Sur Facebook, des médecins violent leur serment. Par Louise Auvitu et Béatrice Kammerer. 05 janvier 2020. https://www.nouvelobs.com/notre-epoque/20200105.OBS23047/quand-les-seins-tombent-comme-ca-je-refuse-la-consultation-sur-facebook-11-000-medecins-violent-leur-serment.html

Esanum is an online network for approved doctors

Esanum is the medical platform on the Internet. Here, doctors have the opportunity to get in touch with a multitude of colleagues and to share interdisciplinary experiences. Discussions include both cases and observations from practice, as well as news and developments from everyday medical practice.

Esanum ist ein Online-Netzwerk für approbierte Ärzte

Esanum ist die Ärzteplattform im Internet. Hier haben Ärzte die Möglichkeit, mit einer Vielzahl von Kollegen in Kontakt zu treten und interdisziplinär Erfahrungen auszutauschen. Diskussionen umfassen sowohl Fälle und Beobachtungen aus der Praxis, als auch Neuigkeiten und Entwicklungen aus dem medizinischen Alltag.

Esanum est un réseau en ligne pour les médecins agréés

Esanum est un réseau social pour les médecins. Rejoignez la communauté et partagez votre expérience avec vos confrères. Actualités santé, comptes-rendus d'études scientifiques et congrès médicaux : retrouvez toute l'actualité de votre spécialité médicale sur esanum.