Malattia di Huntington, 3 nuove sperimentazioni

Presentata recentemente a Roma, nell’ambito del convegno annuale della Fondazione Lega Italiana Ricerca Huntington (LIRH), una panoramica sulle sperimentazioni in corso e sulle nuove conoscenze che la medicina ha acquisito sulla malattia di Huntington.

Oggi non si agisce solo sui sintomi, si mira al meccanismo di base e alla causa genetica

Presentata recentemente a Roma, nell’ambito del convegno annuale della Fondazione Lega Italiana Ricerca Huntington (LIRH), una panoramica sulle sperimentazioni in corso e sulle nuove conoscenze che la medicina ha acquisito sulla malattia di Huntington. Se queste nuove strategie sperimentali neuroprotettive si rivelassero efficaci, i pazienti potrebbero presto disporre di terapie ulteriori rispetto ai farmaci che agiscono solo su alcuni sintomi, l’unico approccio possibile fino ad ora.

La malattia di Huntington conta in Italia circa 6.500 pazienti e 40.000 persone a rischio di ammalarsi. Seppur rara, è la più frequente malattia genetica neurologica dominante con una causa nota, individuabile con un test genetico. Oggi ci sono 3 potenziali farmaci in studio, quindi in fase sperimentale, che mirano a colpire i meccanismi alla base della malattia, fino addirittura a correggere il difetto genetico.

I parallelismi con ciò che si è già visto accadere in un’altra malattia rara, l’atrofia muscolare spinale (SMA), sono forti, e ci si augura che anche gli esiti di questo percorso possano essere altrettanto positivi. “La speranza più vicina è riposta nel farmaco RG6042 che Roche sta sperimentando anche in Italia in un ampio studio di Fase III – lo studio GENERATION HD1”, spiega il prof. Ferdinando Squitieri, Responsabile dell’Unità Ricerca e Cura Huntington e Malattie Rare dell’IRCCS Casa Sollievo della Sofferenza/CSS-Mendel e Direttore Scientifico della Fondazione LIRH. “Si tratta di un oligonucleotide antisenso (ASO), cioè di un piccolo frammento di DNA sintetico, in grado di riconoscere e legarsi all’RNA messaggero per favorirne la degradazione e ridurre così i livelli della proteina huntingtina nel sistema nervoso. La terapia sperimentale viene somministrata periodicamente ai pazienti con una infiltrazione attraverso una puntura lombare per via intratecale direttamente nel liquor”. La tipologia di farmaco e il metodo di somministrazione sono uguali al primo farmaco approvato per la SMA, una terapia che ha stupito tutti per la velocità con cui è passata dalla fase sperimentale all’approvazione.

“Anche una seconda terapia in sperimentazione – spiega ancora il prof. Squitieri – che è in una fase un po’ più preliminare di studio, è rappresentata da due diversi farmaci ASO attraverso una via di somministrazione simile, ma con un’azione più selettiva in quanto mira a ridurre solo la proteina huntingtina tossica (quella prodotta dal gene mutato ereditato dal genitore ammalato): queste molecole sono prodotte dall’azienda farmaceutica Wave”.

L’avvio di una sperimentazione di Fase I/II è poi previsto nel corso del 2020 come primo possibile approccio di terapia genica promosso dall’azienda UniQure. “Questa terapia, la cui molecola si chiama AMT-130 - spiega il prof. Squitieri - sfrutta un vettore adenovirale per veicolare un frammento di micro RNA (miRNA) che viene integrato nel genoma delle cellule cerebrali del paziente legandosi in maniera non selettiva all’RNA messaggero che ha il compito di produrre la proteina huntingtina per favorirne la degradazione riducendone così i livelli. Dopo la sperimentazione su modello suino, dove si è visto che i livelli di huntingtina – sia quella sana che quella mutata - si sono ridotti fino al 70% e tale risultato si è mantenuto fino a un anno dalla somministrazione, si spera di passare ora alla prima fase di sperimentazione sull’uomo. Questa terapia prevede un’iniezione direttamente nell’encefalo, attraverso fori da praticare nel cranio da personale altamente specializzato”.


Fonte: OMAR Osservatorio Malattie Rare. Malattia di Huntington, in 3 sperimentazioni la speranza di vincerla. 17 dicembre 2019

Esanum is an online network for approved doctors

Esanum is the medical platform on the Internet. Here, doctors have the opportunity to get in touch with a multitude of colleagues and to share interdisciplinary experiences. Discussions include both cases and observations from practice, as well as news and developments from everyday medical practice.

Esanum ist ein Online-Netzwerk für approbierte Ärzte

Esanum ist die Ärzteplattform im Internet. Hier haben Ärzte die Möglichkeit, mit einer Vielzahl von Kollegen in Kontakt zu treten und interdisziplinär Erfahrungen auszutauschen. Diskussionen umfassen sowohl Fälle und Beobachtungen aus der Praxis, als auch Neuigkeiten und Entwicklungen aus dem medizinischen Alltag.

Esanum est un réseau en ligne pour les médecins agréés

Esanum est un réseau social pour les médecins. Rejoignez la communauté et partagez votre expérience avec vos confrères. Actualités santé, comptes-rendus d'études scientifiques et congrès médicaux : retrouvez toute l'actualité de votre spécialité médicale sur esanum.