Morbo di Crohn, farmaci biologici e vaccino antinfluenzale

I pazienti affetti dal morbo di Crohn mostrano una risposta variabile alla vaccinazione antinfluenzale trivalente. I pazienti in terapia con ustekinumab, infatti, mostrano una risposta immunitaria molto alta.

Il morbo di Crohn trattato con ustekinumab mostra un'elevata risposta al vaccino antinfluenzale

I pazienti affetti dal morbo di Crohn mostrano una risposta variabile alla vaccinazione antinfluenzale trivalente. I pazienti in terapia con ustekinumab, infatti, mostrano una risposta immunitaria notevolmente più favorevole rispetto a quelli trattati con adalimumab (69.2% vs. 18.2% rispettivamente).

Uno studio recente mostra che la vaccinazione contro l'influenza ha innescato alti tassi di risposta immunitaria in pazienti con malattia di Crohn trattati con ustekinumab, ma questa risposta non è stata osservata in pazienti in terapia con adalimumab. I risultati dello studio sono stati presentati alla UEG Week 2019 dal Dr.  Rogier Goetgebuer, University Medical Center Rotterdam, Olanda.
"Abbiamo scoperto che i pazienti trattati con ustekinumab avevano alti tassi di sieroconversione alla vaccinazione antinfluenzale, in linea con quelli dei pazienti controllo sani. Invece, i pazienti trattati con adalimumab hanno mostrato una risposta immunitaria inferiore" ha riferito il Dr. Goetgebuer. "I pazienti trattati con ustekinumab possono quindi essere vaccinati efficacemente con il vaccino antinfluenzale trivalente" ha affermato.

Risposte immunitarie al vaccino antinfluenzale nei pazienti con morbo di Crohn trattati con farmaci biologici

Lo studio mirava a studiare la risposta immunitaria al vaccino antinfluenzale trivalente inattivato 2018-2019 nei pazienti con morbo di Crohn trattati con ustekinumab rispetto a quelli trattati con adalimumab.
È stata arruolata una coorte vaccinale composta da tre sottogruppi: pazienti con malattia di Crohn che sono stati trattati con ustekinumab (15 pazienti), pazienti trattati con adalimumab (14 pazienti) e partecipanti sani (20 partecipanti). I pazienti trattati con adalimumab, così come i partecipanti sani, erano di età e sesso abbinati come popolazioni di controllo.
Nel gruppo ustekinumab, a due pazienti è stato somministrato anche metotrexate, ad uno prednisone ad alte dosi e ad un altro prednisone a basse dosi. Nel gruppo adalimumab, a due pazienti sono state somministrate tiopurine, a tre prednisone a basse dosi.
Tutti i pazienti sono stati vaccinati con il vaccino antinfluenzale trivalente 2018-19 (composto da H3N2, H1N1 e B Victoria) somministrato tra ottobre e dicembre 2018. Il sangue è stato prelevato al momento dell'inclusione, al mese uno e al mese tre. Un ulteriore prelievo sarà eseguito al nono mese. I test di inibizione dell'emagglutinazione sono stati eseguiti per valutare la risposta immunitaria per tutti e tre i ceppi del vaccino antinfluenzale (A/Michigan/2015/H1N1, A/Singapore/2016/H3N2, B/Victoria).

Sieroconversione notevolmente più elevata nei pazienti affetti da morbo di Crohn trattati con ustekinumab

L'età media era di circa 50 anni in tutti i gruppi. I pazienti avevano usato l'adalimumab più a lungo (media 45,5 mesi) dell'ustekinumab (29,4 mesi). I farmaci immunosoppressivi erano simili in tutti i gruppi di pazienti. "Questo è importante perché i pazienti in terapia con questi farmaci potrebbero scoprire di avere effetti sulla risposta immunitaria", ha sottolineato il Dr. Goetgebuer. "Allo stesso modo, la storia delle vaccinazioni era simile in tutti i gruppi".
Il tasso di sieroprotezione si riferisce alla percentuale di pazienti che raggiungono un titolo superiore a 1:40. "E' degno di nota il fatto che alla valutazione basale c'era già un alto tasso di sieroprotezione, specialmente per il ceppo H3N2. Ci aspettavamo valori inferiori”, ha detto il Dr. Goetgebuer. "Inoltre, ancora una volta, è stato sorprendente che dopo un mese ci sono stati tassi di sieroprotezione molto elevati, che sono rimasti elevati dopo tre mesi".

Il giovane ricercatore ha anche esaminato il tasso di sieroconversione. "Questo indica una conservazione della protezione" ha osservato. "Abbiamo visto che i pazienti trattati con ustekinumab avevano tassi di sieroconversione (69,2%) più elevati rispetto ai pazienti adalimumab (18,2%) e questo era significativo [p=0,012]. I partecipanti sani avevano un tasso di sieroconversione del 30%".
Un uditore tra ha chiesto al Dr. Goetgebuer se riteneva che i suoi risultati potessero essere estesi anche ad altri tipi di vaccinazione. Il medico ha detto che pensava che questo fosse il caso, nonostante non fosse oggetto di studio.


Fonte: OP008 - HIGH SEROCONVERSION RATE TO TRIVALENT INFLUENZA VACCINE DURING USTEKINUMAB TREATMENT IN CROHN'S DISEASE: RESULTS FROM A PROSPECTIVE COHORT STUDY. R. Goetgebuer, Netherlands. UEG Week 2019. Presented 21 October 2019.

esanum is an online network for approved doctors

esanum is the medical platform on the Internet. Here, doctors have the opportunity to get in touch with a multitude of colleagues and to share interdisciplinary experiences. Discussions include both cases and observations from practice, as well as news and developments from everyday medical practice.

esanum ist ein Online-Netzwerk für approbierte Ärzte

esanum ist die Ärzteplattform im Internet. Hier haben Ärzte die Möglichkeit, mit einer Vielzahl von Kollegen in Kontakt zu treten und interdisziplinär Erfahrungen auszutauschen. Diskussionen umfassen sowohl Fälle und Beobachtungen aus der Praxis, als auch Neuigkeiten und Entwicklungen aus dem medizinischen Alltag.

Esanum est un réseau en ligne pour les médecins agréés

esanum est un réseau social pour les médecins. Rejoignez la communauté et partagez votre expérience avec vos confrères. Actualités santé, comptes-rendus d'études scientifiques et congrès médicaux : retrouvez toute l'actualité de votre spécialité médicale sur esanum.