Quali Paesi hanno risposto meglio alla COVID-19?

La comunità scientifica ne è certa, questa non sarà l’ultima volta che dovremo affrontare un virus nuovo e pericoloso. Il mondo dovrebbe imparare dalle strategie di maggior successo.

The Wall Street Journal stila la lista dei Paesi che hanno attuato strategie efficaci contro la pandemia

La comunità scientifica ne è certa, questa non sarà l’ultima volta che dovremo affrontare un virus nuovo e pericoloso. Il mondo dovrebbe imparare dalle strategie di maggior successo per l’esecuzione dei test, la quarantena, la comunicazione pubblica e il sostegno economico. I Paesi che si sono comportati meglio hanno imparato dai loro errori e hanno utilizzato i dati per migliorare continuamente.

È passato un anno da quando il virus SARS-CoV-2 ha iniziato a diffondersi. Quali Paesi hanno fatto meglio per rispondere alla pandemia e cosa possiamo imparare da loro?
Il successo della risposta alla pandemia di COVID-19 non dipende solo dalla ricchezza di un Paese, dalle sue capacità scientifiche e dalla sua storia di successi nel campo della salute pubblica. Gli Stati Uniti godono di tutti questi elementi, ma hanno dato vita a una delle peggiori risposte alla pandemia: da quando è iniziata la pandemia 1 americano su 990 è morto di COVID-19. Una cattiva politica, molto semplicemente, può battere le buone pratiche di salute pubblica.
Altri Paesi sviluppati che hanno fatto bene all'inizio, come il Canada e alcune nazioni europee, hanno vacillato durante la seconda o terza ondata di infezioni, perché i loro governi e la loro popolazione si sono rilassati e hanno smesso di attuare strategie efficaci. In molti paesi asiatici, dove è abitudine comune che le persone indossino mascherine quando sono malate, hanno adottato le mascherine in modo precoce e diffuso.

È meglio agire tempestivamente: Taiwan

Il mondo ha fatto la sua prima conoscenza con la COVID-19 quando si sono verificati i primi casi tra i viaggiatori che arrivavano a Taiwan da Wuhan. Il Paese ha rapidamente bloccato i voli da gran parte della Cina, ha messo in quarantena i viaggiatori provenienti da altre aree, ha impedito l'attracco delle navi da crociera, ha implementato test diffusi e quadruplicato la produzione di mascherine facciali nel giro di un mese.
Taiwan ha inoltre fornito un importante sostegno, anche economico, ai pazienti affetti da COVID-19 e alle persone con cui erano entrati in contatto, contribuendo ad aumentare l'aderenza alle raccomandazioni di salute pubblica. Queste prime azioni sono state fondamentali per mantenere Taiwan al di sotto degli 800 casi durante tutto l'anno, evitando al contempo l'isolamento. Gli Stati Uniti hanno ora più casi e decessi ogni 5 minuti di quanti ne abbia avuti Taiwan in tutto l'anno.

Imparare dalle recenti epidemie: Liberia

La Liberia, duramente colpita dall'epidemia di Ebola nel 2014, è stato uno dei primi Paesi ad iniziare lo screening per la COVID-19 negli aeroporti e ad adottare altre misure di controllo, come test rapidi, tracciamento completo dei contatti e quarantena. Anche molti altri Paesi in Africa, tra cui Senegal e Uganda, hanno utilizzato le loro esperienze maturate durante epidemie del passato per attuare risposte rapide, esperte e complete.

Il migliore a schiacciare la curva: Nuova Zelanda

Come Taiwan, la Nuova Zelanda è un'isola, il che rende molto più facile far rispettare i divieti di viaggio. I modelli iniziali mostravano che la diffusione del virus in Nuova Zelanda avrebbe potuto destabilizzare il sistema sanitario. Il Paese ha iniziato ad attuare il suo piano contro la pandemia a febbraio, preparando ospedali e istituendo politiche di controllo delle frontiere. Poiché la Nuova Zelanda non disponeva di sufficienti capacità di test e di ricerca dei contatti, alla fine di marzo il governo ha attuato un lockdown in tutto il Paese con l'obiettivo di eliminare completamente la COVID-19.
A giugno, la pandemia è stata dichiarata conclusa in Nuova Zelanda e il Paese ha registrato uno dei tassi di mortalità per coronavirus più bassi tra le 37 nazioni dell'OCSE. I casi successivi sono stati tutti di viaggiatori internazionali, che sono stati tenuti in isolamento per due settimane dopo l'arrivo.
Il primo ministro Jacinda Arden ha fornito l’esempio di una comunicazione empatica e chiara, che ha aumentato notevolmente la volontà di cooperazione dei neozelandesi ed è stata essenziale per il successo del Paese.

La migliore posizione negli Stati Uniti: le Samoa Americane

Le Samoa Americane rimangono l'unico territorio negli Stati Uniti senza casi di COVID-19, in parte perché le autorità sanitarie erano già in stato di allerta a seguito di un'epidemia di morbillo alla fine del 2019. Nel tentativo di prevenire il virus in anticipo, il territorio di 55.000 abitanti ha bloccato tutti i voli passeggeri in arrivo. Come risultato di questo quasi totale isolamento, le Samoa Americane non hanno dovuto attuare chiusure diffuse, quarantene o test. Azioni simili 100 anni fa hanno permesso al territorio di evitare qualsiasi morte per la pandemia influenzale del 1918.

Il migliore nel testing: Corea del Sud

Quando è diventato chiaro che le persone asintomatiche potevano diffondere la COVID-19, la Corea del Sud ha attivato una strategia aggressiva di test precoci, facendo più del doppio dei test rispetto ad altri paesi nelle prime settimane della pandemia. Insieme ad altre misure, tra cui un'ampia ed efficace ricerca di contatti e la quarantena, questo ha impedito che i casi aumentassero rapidamente.

La migliore strategia per la quarantena: Hong Kong

Hong Kong ha una delle più alte densità di popolazione al mondo, eppure ha mantenuto bassi i casi stabilendo protocolli di isolamento obbligatori e centri di quarantena per le persone con COVID-19 e per coloro che sono venuti a stretto contatto con loro.

Il miglior sostegno economico: Danimarca

Alcuni paesi si sono distinti per la loro capacità di sostenere i cittadini dal punto di vista economico e sociale. In Danimarca, il governo ha coperto una parte degli stipendi dei dipendenti delle aziende private per evitare licenziamenti su larga scala.

Il meglio della comunicazione pubblica: Finlandia

Alcuni Paesi hanno combattuto le fake-news e la diffidenza condividendo le informazioni con il pubblico in modo ampio e aperto. La Finlandia ha ottenuto buoni risultati, aiutata dall'alto livello di alfabetizzazione digitale dei suoi cittadini e da un progetto del 2014 nato per contrastare le false informazioni. Una stretta collaborazione con i vari influencer ha permesso di diffondere informazioni accurate sulle varie piattaforme digitali.
Anche il Sudafrica si è distinto per la chiarezza della comunicazione, compreso l'uso strategico di un sistema di allerta che consente alle persone di comprendere i rischi e aiuta il governo a prendere decisioni trasparenti ed equilibrate sulle chiusure. I leader tedeschi sono stati anche modelli di chiarezza e di comunicazione efficace, con la Cancelliera Angela Merkel che ha chiesto ai cittadini di mostrare "pazienza, disciplina e solidarietà" - tre aspetti essenziali di una risposta efficace alla pandemia.

La maggior parte delle persone, compresi molti operatori sanitari, non avrebbe mai immaginato che il tributo da pagare alla pandemia di COVID-19 potesse essere così alto. I Paesi che si sono comportati meglio hanno imparato dai loro errori e hanno utilizzato i dati per migliorare continuamente la gestione della salute pubblica, l'assistenza primaria, la risposta alle emergenze e la comunicazione sanitaria. Anche oggi che iniziamo a distribuire vaccini, dobbiamo continuare a imparare dall'esperienza ciò che funziona nella lotta contro la COVID-19.
Questa non è l'ultima malattia minacciosa che il nostro mondo dovrà affrontare. Nel 2020 abbiamo imparato che siamo tutti connessi: finché ci sarà un Paese non al sicuro, tutti i Paesi non saranno sicuri, tutti noi saremo a rischio. Quando la prossima pandemia colpirà, il mondo intero dovrà mettere in atto le migliori pratiche per salvare vite umane e proteggere i mezzi di sussistenza. Oggi abbiamo l’opportunità di migliorare la preparazione globale. Se oggi non applichiamo le lezioni imparate nel  2020, non lo faremo mai.


Fonte: Frieden T. Which Countries Have Responded Best to Covid-19?. The Wall Street Journal. Jan. 1, 2021

Esanum is an online network for approved doctors

Esanum is the medical platform on the Internet. Here, doctors have the opportunity to get in touch with a multitude of colleagues and to share interdisciplinary experiences. Discussions include both cases and observations from practice, as well as news and developments from everyday medical practice.

Esanum ist ein Online-Netzwerk für approbierte Ärzte

Esanum ist die Ärzteplattform im Internet. Hier haben Ärzte die Möglichkeit, mit einer Vielzahl von Kollegen in Kontakt zu treten und interdisziplinär Erfahrungen auszutauschen. Diskussionen umfassen sowohl Fälle und Beobachtungen aus der Praxis, als auch Neuigkeiten und Entwicklungen aus dem medizinischen Alltag.

Esanum est un réseau en ligne pour les médecins agréés

Esanum est un réseau social pour les médecins. Rejoignez la communauté et partagez votre expérience avec vos confrères. Actualités santé, comptes-rendus d'études scientifiques et congrès médicaux : retrouvez toute l'actualité de votre spécialité médicale sur esanum.