UEG WEEK 2019 - Riassunto giornaliero del 22 ottobre

Secondo giorno del programma scientifico alla UEG Week! La giornata è stata caratterizzata da emozionanti dibattiti, presentazioni di abstract, discussioni su casi clinici e sessioni pratiche di endoscopia.

Secondo giorno del programma scientifico alla UEG Week di Barcellona! La giornata è stata caratterizzata da emozionanti dibattiti, presentazioni di abstract, discussioni su casi clinici e sessioni pratiche di endoscopia. Oggi è proseguita anche la popolare iniziativa Today's Science - Tomorrow's Medicine, con particolare attenzione al microbiota e alla medicina personalizzata, alle tendenze attuali e future sul trapianto fecale e all'impatto della resistenza antimicrobica sul microbiota intestinale.

Le stelle nascenti UEG 2019

Ogni anno, il Comitato Scientifico UEG e il Comitato delle Società Nazionali selezionano congiuntamente 6-8 scienziati clinici emergenti qualificandole come Rising Stars. Questi scienziati sono selezionati sulla base di un'esperienza di ricerca internazionale di qualità e di sviluppo dell'indipendenza scientifica. L'iniziativa fornisce a questi giovani ricercatori la possibilità di sviluppare ulteriormente la loro carriera e di far crescere la loro ricerca.
Dopo le entusiasmanti presentazioni di alcuni degli UEG Rising Stars nel programma di lunedì, oggi è salito sul palco Jean Charles Nault per ricevere il suo premio e presentare la sessione ‘Genetics of hepatocellular carcinoma: From risk factors to personalised treatment’.
UEG desidera congratularsi con le otto stelle nascenti degne di quest'anno:

Thomas Bird, Regno Unito
Johan Burisch, Danimarca
Sarwa Darwish Murad, Paesi Bassi
Ihsan Ekin Demir, Germania
Sheraz Markar, Regno Unito
Jean Charles Nault, Francia
María Jesús Perugorria, Spagna
Thomas Reiberger, Austria
UEG Rising Star: Johan Burisch

Punti salienti del programma scientifico - L’impatto delle malattie digestive

I risultati di un importante studio condotto in 195 paesi, presentato oggi nell'ambito di una sessione di abstract, indicano che i tassi globali di mortalità per il cancro al pancreas e i tassi di incidenza per il cancro colorettale sono aumentati entrambi del 10% tra il 1990 e il 2017.
Lo studio Global Burden of Disease è il primo a fornire stime complete a livello mondiale dell’impatto, delle caratteristiche epidemiologiche e dei fattori di rischio di un certo numero di malattie digestive, tra cui il cancro al pancreas, il cancro colorettale, il cancro gastrico e la IBD. Sono stati evidenziati anche altri risultati:

Commentando lo studio, Herbert Tilg, presidente del comitato scientifico dell'UEG, ha dichiarato: "Questa analisi fornisce il quadro più completo dell’impatto globale delle malattie digestive mai condotta fino ad oggi. L'esame di queste tendenze mondiali offre informazioni vitali sull'evoluzione dell’importanza della malattia e aiuta la corretta allocazione delle risorse per migliorare gli esiti dei pazienti".
Lo studio è stato pubblicato oggi anche su The Lancet Gastroenterology & Hepatology.

Punti salienti del programma scientifico - I diversi volti della microbiota lungo il tratto digestivo

La sessione di questa mattina ha visto una serie di discussioni sull'impatto dei microbiota sulle malattie come il cancro gastrico, la IBD e il melanoma. uno degli argomenti più attuali nell’ambito delle malattie dell’apparato digerente.
Ranko Gacesa ha detto questo durante la presentazione del suo abstract: "‘Composition and function of gut microbiota affects the response rate and survival of melanoma patients treated with immune checkpoint inhibitors". Ha dimostrato che, nei pazienti con melanoma in stadio avanzato, la composizione e la funzione del microbiota intestinale influenza il tasso di risposta e la sopravvivenza del paziente in terapia con inibitori dei checkpoint immunitari. Lo studio ha anche evidenziato che modificazioni del microbiota prima della terapia con inibitori dei checkpoint immunitari possono aumentare ulteriormente i tassi di risposta.

Kaysuyuki Fukade ha poi presentato il suo abstract "Next-generation sequencing of faecal microbiota in ulcerative colitis patients together with consanguineous and non-consanguineous relatives". Kaysuyuki Fukade ha spiegato che lo scopo dello studio era quello di indagare la relazione tra le specie batteriche fecali e lo sviluppo e la gravità delle IBD, nella speranza di trovare un potenziale biomarcatore da utilizzare in pratica clinica. I risultati dello studio hanno mostrato una differenza significativa in 18 specie e 10 generi ed è stata ottenuta una relazione potenzialmente interessante tra la quantità e la diversità dei microbiota intestinali e lo sviluppo delle IBD.

Poiché il tumore dello stomaco è la terza causa principale di mortalità correlata al cancro nel mondo, Ka Shing Cheung ha voluto indagare il rischio di sviluppo del cancro gastrico nei pazienti affetti da diabete mellito con eradicazione di H. pylori. Nel suo studio, ha scoperto che il diabete mellito di tipo 2 è associato ad un minor rischio di cancro gastrico tra i pazienti cui è stata somministrata terapia di eradicazione di H. Pylori. Ka Shing Cheung ha dichiarato che le statine, l'aspirina e la metformina possono ridurre il potenziale effetto cancerogeno del diabete mellito sul cancro gastrico, e che la regolazione dei farmaci è importante nel determinare queste associazioni.

Hotspot - Abbassare l'indice glicemico

Nella sessione Hotspot di questa mattina “Lower GI on Fire” sono stati presentati abstract che presentano nuove ricerche sulla mortalità nella colite microscopica, sulla recidiva postoperatoria nella malattia di Crohn e sulle opzioni di trattamento endoscopico.

David Bergemalm ha aperto la sessione con una discussione sui “Markers of systemic inflammation in preclinical ulcerative colitis”. Lo studio ha dimostrato che i marcatori proteici relativi all'infiammazione sistemica sono elevati anni prima della diagnosi di colite ulcerosa e che gli upregulation pre-diagnostici delle proteine infiammatorie potrebbero, in parte, essere spiegati sia da fattori genetici che ambientali.

Nynne Nyboe Andersen ha poi presentato informazioni dal suo studio, "‘Overall and cause-specific mortality in microscopic colitis: a Danish nationwide matched cohort study’". I risultati hanno evidenziato che c'è un aumento del rischio di morte nei pazienti con colite microscopica e che la giovane età alla diagnosi, il sesso maschile e la colite linfocitaria sono stati associati a tassi di mortalità più elevati. Nynne Nyboe Andersen ha evidenziato, tuttavia, che ulteriori analisi hanno indicato che non è possibile che la colite microscopica sia associata ad una maggiore mortalità, ma piuttosto che lo siano i fattori associati, quali un elevato carico di comorbilità e abitudini come il fumo.

Peter Higgins ha concluso la sessione presentando il suo abstract “Preclinical and clinical efficacy of Olorinab, a peripherally acting, highly selective full agonist of the cannabinoid receptor 2 (CB2), for the management of visceral pain in inflammatory bowel disease”. Lo studio ha scoperto che Olorinab ha ridotto l'ipersensibilità viscerale in un modello animale di IBD, suggerendo che il CB2 provoca azioni antinocicettive nelle vie sensoriali viscerali e che Olorinab può fornire un futuro approccio terapeutico per il dolore addominale cronico.

Celebrazione dei 50 anni della colonscopia

I partecipanti alla UEG Week hanno avuto l'opportunità di celebrare i 50 anni della colonscopia visitando una mostra interattiva che illustra cinque decenni di progressi nella procedura. I visitatori sono accompagnati in un affascinante viaggio nel passato, presente e futuro della colonscopia attraverso l'arte, la narrazione di storie, gadget interattivi e aggiornamenti scientifici. Il cuore della mostra sta nell’impatto che la colonscopia ha avuto sulla vita dei pazienti, con testimonianze, aneddoti e prospettive per il futuro.

Dalla prima colonscopia di 50 anni fa, la procedura è diventata oggi uno strumento cruciale per la prevenzione e l'individuazione di malattie gastrointestinali, compreso il cancro colorettale. Tuttavia, nonostante i progressi significativi, vi è un'enorme variazione di diffusione in Europa che dimostra come la colonscopia non sia ancora pienamente utilizzata.

Paul Fockens, presidente della UEG, ha commentato: "Abbiamo fatto molta strada dall'introduzione di questa importante tecnica. La colonscopia è una procedura potenzialmente salvavita per molti pazienti e svolge un ruolo fondamentale per migliorare la salute dell'apparato digerente. Oggi celebriamo la dedizione scientifica e la tecnologia all'avanguardia per la cura dei pazienti".

 

Fonte: Daily Recap: Tuesday, 22 October - https://live.ueg.eu/week/daily-recaps/tuesday

esanum is an online network for approved doctors

esanum is the medical platform on the Internet. Here, doctors have the opportunity to get in touch with a multitude of colleagues and to share interdisciplinary experiences. Discussions include both cases and observations from practice, as well as news and developments from everyday medical practice.

esanum ist ein Online-Netzwerk für approbierte Ärzte

esanum ist die Ärzteplattform im Internet. Hier haben Ärzte die Möglichkeit, mit einer Vielzahl von Kollegen in Kontakt zu treten und interdisziplinär Erfahrungen auszutauschen. Diskussionen umfassen sowohl Fälle und Beobachtungen aus der Praxis, als auch Neuigkeiten und Entwicklungen aus dem medizinischen Alltag.

Esanum est un réseau en ligne pour les médecins agréés

esanum est un réseau social pour les médecins. Rejoignez la communauté et partagez votre expérience avec vos confrères. Actualités santé, comptes-rendus d'études scientifiques et congrès médicaux : retrouvez toute l'actualité de votre spécialité médicale sur esanum.